Sergio Castellitto regista di ‘Fortunata’, film struggente e intenso

By | 16 maggio 2017

Sergio Castellitto torna sul grande schermo con 'Fortunata'Il regista e attore Sergio Castellitto è tornato dietro alla macchina da presa per dirigere un film ispirato al libro scritto dalla moglie, Margaret Mazzantini. Il prossimo 20 maggio 2017 uscirà ‘Fortunata’, pellicola che narra la storia di una donna, Fortunata, che si lascia alle spalle una relazione sentimentale turbolenta ma deve accudire la figlia di otto anni. A vestire i panni della protagonista del film è Jasmine Trinca. Un film che racconta, in un certo senso, la vita di molte persone. Fortunata deve mantenere la figlia, oltre a se stessa, e per arrivare a fine mese svolge vari lavori, come quello di parrucchiera a domicilio. Ogni giorno lascia la periferia romana, dove vive, e si reca in centro, nelle abitazioni di donne ricche e facoltose.

La dura vita di Fortunata

Il sogno della protagonista di ‘Fortunata’ è avviare un’attività tutta sua per sentirsi, in un certo senso, più libera, indipendente e felice. Non è facile la vita di Fortunata, costretta quotidianamente a spostarsi dalla periferia al centro per sbarcare il lunario. A un certo punto, la vita della donna viene sconvolta positivamente dall’amore. Per la prima volta incontra una persona che l’ama spassionatamente, per quello che è veramente. L’incontro con tale persone fa mutare i suoi piani. ‘Fortunata’ è un film emozionante, con un cast che vanta nomi del calibro di Jasmine Trinca, Stefano Accorsi ed Edoardo Pesce.

Sergio Castellitto ritrae ‘personaggi dimenticati’

Il nuovo film diretto da Sergio Castellitto sarà l’unico, completamente italiano, presente alla selezione ufficiale della sessantesima edizione del Festival di Cannes, in programma dal 17 al 28 maggio 2017.  Ancora una volta, il regista romano si è ispirato a un libro scritto dalla moglie ed ha realizzato un film che, certamente, susciterà l’attenzione degli cinefili. Margaret Mazzantini, 56 anni, è sposata ormai da 30 anni con Sergio Castellitto, da cui ha avuto quattro figli: Pietro, Anna, Maria e Cesare. La scrittrice, esile e solitaria, ha affermato che avrebbe voluto vivere meno sotto i riflettori. Parlando del libro che ha ispirato la pellicola del marito, la Mazzantini ha detto che narra ‘la purezza di un proletariato che non esiste più… E’ un film struggente, di personaggi dimenticati’.

La moglie di Castellitto, nota per i suoi best sellers come ‘Non ti muovere’, quasi sempre narra storie in cui i protagonisti sono gli ultimi, i vessati e i poveri; insomma, persone borderline. Come mai? La scrittrice ha confessato di identificarsi in tali personaggi: ‘Sono cresciuta in periferia. E’ vero, Fortunata è un po’ figlia di Italia, la protagonista di ‘Non ti muovere”. Nonostante la fama, Margaret è rimasta sempre se stessa: conduce una vita semplice, cucina per i figli e il marito e stira gli abiti: ‘Vengo da una scuola dura, ho avuto un padre autoritario, sono una gran lavoratrice fin da piccola’.

Non ci resta che attendere l’uscita del nuovo capolavoro di Sergio Castellitto, basato sul volume scritto dalla tenace e indefessa scrittrice Margaret Mazzantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.