Dieta dell’ananas per purificarsi e perdere peso in 4 giorni

By | 14 novembre 2017

Dieta dell'ananas per sgonfiarsi subitoCome perdere qualche chilo e purificarsi in soli 4 giorni? Con dieta dell’ananas, una dieta lampo che si fonda sulle innumerevoli virtù di un frutto molto salutare, da sempre conosciuto come ‘brucia grassi naturale’. L’ananas, inoltre, è un toccasana contro la cellulite. La dieta dell’ananas depura, permette di sgonfiarsi in poco tempo e perdere 2-3 kg nell’arco di 4 giorni. Il merito va ad alcuni enzimi presenti nel frutto, che tra l’altro contrasta la ritenzione idrica. La dieta dell’ananas può certamente essere catalogata in quelle che generalmente vengono definite diete lampo. Deve essere seguita al massimo per 4 giorni ma può essere ripetuta periodicamente, magari ogni mese. Inutile dire che tale regime alimentare presuppone la predilezione per l’ananas. Chi non ama tale frutto deve ripiegare per altre diete lampo. Uno dei punti di forza della dieta dell’ananas è la semplicità: non è assolutamente arduo seguirla. Per sgonfiarsi e perdere peso si deve consumare essenzialmente ananas.

Dieta dell’ananas: non seguirla per oltre 4 giorni

Il piano alimentare della dieta dell’ananas può essere più o meno rigido in base alla durata. Molti nutrizionisti sostengono che consumare, ogni giorno, pochi cibi, tra cui l’ananas, fa perdere peso in pochi giorni.

Di seguito alcuni dei benefici che l’ananas apporta all’organismo umano:

  • elimina i parassiti intestinali e quindi fa assimilare le sostanze nutritive che permettono di annullare il grasso corporeo
  • favorisce la digestione
  • allontana il rischio della pelle a buccia d’arancia

Gli esperti consigliano di non seguire la dieta dell’ananas per più di 4 giorni perché si potrebbe andare incontro a carenze nutritive e debolezza. Ogni giorno, per 3 dì, si devono consumare, in sostanza, 2 kg di ananas, verdura, un po’ di frutta secca e 100 grammi di tonno.

La dieta dell’ananas, oltre ad essere una dieta lampo, è una di quelle che fa perdere solo liquidi, perciò, dopo averla seguita occorre assumere fibre, proteine e carboidrati, ovvero seguire uno stile alimentare più bilanciato.

L’ananas fa dimagrire?

Le persone che vogliono perdere peso spesso si domandano se l’ananas fa dimagrire? A tale domanda si potrebbe rispondere ‘ni’. E’ vero che tale frutto esotico contiene poche calorie ed è pieno d’acqua, quindi favorisce la diuresi ma non agisce direttamente sulla perdita di peso. Per quale ragione, allora, la dieta dell’ananas viene suggerita a chi vuole dimagrire?

‘L’ananas, originario dell’America Centrale contiene grandi quantità di bromelina, una sostanza che facilita la digestione e la disintegrazione delle proteine. Questa sostanza, appunto, è un enzima che agisce sul fegato e sull’intestino favorendo la digestione delle proteine, questo però non vuol dire che fa dimagrire. La sua azione diuretica aiuta a snellire chi soffre di ritenzione idrica eliminando i liquidi con le urine, ma per quel che riguarda i chili di troppo quelli, purtroppo, restano’, hanno spiegato i dietisti di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

Tanta acqua

Sul grosso quantitativo di acqua presente nell’ananas, gli esperti di Bergamo hanno detto: ‘L’ananas è ricchissimo di acqua e questa, associata alla sua proprietà digestiva, favorisce la depurazione e lo sgonfiamento del fisico tramite l’eliminazione dei liquidi e delle tossine con le urine. La diuresi, infatti, aiuta a purificare l’organismo disintossicandolo, dando anche una sensazione generale di benessere. Proprio per questa sua proprietà detossinante l’ananas aiuta a eliminare i gonfiori e la ritenzione idrica riducendo la cellulite e mettendo il fisico in una condizione di benessere. Questi effetti si hanno sempre grazie alla bromelina, che ha la capacità di controllare gli edemi sia di tipo post  traumatico sia di origine infiammatoria, e alla presenza di acidi organici’.

Frutto da mangiare prima dei pasti?

L’ananas va mangiato prima o dopo i pasti? Per gli esperti dovrebbe essere consumato a fine pasto ‘perché in questo modo aiuta la digestione, ma solo se è fresco perché la bromelina, che ha proprietà digestive, si perde con il calore, quindi è assente nell’ananas in scatola o cotto. In ogni caso, può essere utilizzato anche come spezzafame a metà mattina o a metà pomeriggio per il suo elevato contenuto di fibre e il suo ridotto apporto calorico. Inoltre, contiene grandi quantità di vitamine (A e C) e sali minerali (calcio, fosforo, potassio e ferro) che lo rendono un elemento prezioso per il benessere dell’organismo’.

Di fatto l’ananas può essere mangiato da tutti, non vi sono controindicazioni, ma soggetti con ulcera peptica attiva non potrebbero tollerarlo molto.

Non dovrebbe consumare il frutto tropicale chi sta seguendo terapie con anticoagulanti a causa della loro moderata attività antiaggregante piastrinica. Devono prestare attenzione a tale frutto anche le donne incinte perché potrebbe compromettere il normale sviluppo del feto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *