Donne pagate il 23% meno degli uomini: il grigio gap universale

By | 20 gennaio 2018

Disparità salariale tra uomini e donneLe donne guadagnano meno degli uomini in tutto il mondo. Non è la solita chiacchiera da bar ma quello che hanno rimarcato ultimamente le Nazioni Unite. Andiamo alle percentuali. Il ‘gentil sesso’ guadagna il 23% meno del ‘sesso forte’ in ogni ambito e in qualsiasi nazione. Questa è la triste verità. Siamo in presenza di un fosco e universale gap di genere. L’Onu ha definito la disparità di trattamento salariale tra uomini e donne il ‘più grande furto della storia’.

Stipendi uguali tra uomini e donne: mera utopia

In base alle informazioni reperite dalle Nazioni Unite, ‘nel mondo le donne guadagnano in media il 23% in meno degli uomini, senza distinzioni di aree, comparti, età o qualifiche’.

Anuradha Seth, consigliera economica del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, ha affermato che ‘non esiste un solo Paese, né un solo settore in cui le donne abbiano gli stessi stipendi degli uomini’.

Quali sono le ragioni che contribuiscono all’affermazione universale della diseguaglianza salariale di genere? Eccone due: ridotta partecipazione al mondo del lavoro e sottostima del lavoro femminile.

170 anni per ottenere eguaglianza salariale

Che uomini e donne non siano retribuiti alla stessa maniera, in tutto il mondo, non è una novità. Un dossier diffuso dalla Oxfam lo scorso 8 marzo, in occasione della Festa della donna, si era concentrato proprio sulla triste percentuale: 23%. Le donne percepiscono stipendi inferiori del 23% rispetto a quelli degli uomini.

Oxfam aveva sottolineato che per colmare tale divario ci sarebbero voluti almeno altri 170 anni.

La situazione occupazionale delle donne, in Italia, è complicata. Sono poche le donne italiane che lavorano, rispetto alle 35 nazioni sviluppate, e quelle che lavorano percepiscono stipendi inferiori a quelli incassati dagli uomini. Nel Bel Paese il tasso di occupazione femminile non lambisce neanche il 50% e questo non può non impensierire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.