Esofago bruciato sostituito con lo stomaco: fratellini salvi

By | 28 marzo 2018
loading...

esofago-bruciato-stomaco-operazioneI medici della Città della Salute di Torino hanno salvato due fratellini di 4 e 5 anni che avevano bevuto soda caustica. La sostanza aveva procurato ai piccoli una terribile esofagite ma gli esperti di Torino erano intervenuti rapidamente con un nuovo metodo. In sintesi, l’equipe di chirurghi ha rimosso l’esofago bruciato e lo ha sostituito con lo stomaco plasmato a tubo, posizionandolo vicino al collo. Lo straordinario intervento era stato eseguito tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018. Ieri i fratellini sono stati sottoposti all’ultimo monitoraggio. I medici hanno accertato le loro buone condizioni di salute, autorizzandoli ad alimentarsi nuovamente per bocca.

Esofago devastato per un errore

La soda caustica ha bruciato l’esofago dei due fratellini ma la scienza e la medicina, fortunatamente, hanno trionfato ed oggi i piccoli possono condurre una vita normale. Il magnifico intervento è stato eseguito dal team di chirurghi diretto dal professor Mauro Salizzoni. Dopo un anno, il tormento è finito per due bimbi che hanno rischiato di morire per un errore. Credevano che in un recipiente ci fosse acqua, invece c’era soda caustica.

I piccoli, non appena arrivati nella struttura sanitaria piemontese, erano stati seguiti dai gastroenterologi pediatri diretti dal dottor Pier Luigi Calvo. Quella sostanza corrosiva aveva rovinato l’esofago dei bambini, quindi era impossibile per loro nutrirsi mediante la bocca. Per molto tempo sono stati costretti ad alimentarsi con un sondino. Dopo l’eccezionale intervento, la coppia di fratellini ha trascorso un lungo periodo presso i reparti di terapia intensiva e di chirurgia ad alta intensità dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. I medici dicono, fieri, che ‘l’aspettativa di vita e la qualità della stessa sono ora pari a quelle degli individui della loro età’.

Quali sono le sostanze caustiche?

In casa, quando ci sono bimbi, l’attenzione non è mai troppa. I bimbi sono curiosi, quindi possono aprire alcuni contenitori (magari perché attratti dal loro colore o dalla loro forma) e bere il contenuto. La cronaca ci fornisce molti casi di ingestione accidentale di sostanze caustiche da parte dei bambini. La categoria d’età più a rischio ingestioni involontarie è quella tra 1 e 5 anni. La curiosità e l’ingenuità sono forti in tale periodo di vita ma possono cagionare danni a se stessi e agli altri.

Ingerire prodotti che normalmente si usano per la pulizia della casa, come disinfettanti e detergenti, è molto pericoloso perché contengono composti caustici, ovvero sostanze in grado di bruciare tessuti e organi umani. In genere i prodotti per igienizzare casa contengono sostanze chimiche caustiche molto basiche o molto acide. Gli effetti dell’ingestione possono essere più o meno gravi. Ecco una breve lista di prodotti che, in casa, non devono mai essere lasciati incustoditi, specialmente in presenza di bimbi:

  • Detergenti per forni e metalli
  • Detersivi per lavastoviglie, sia in polvere che liquidi
  • Detergenti per il water
  • Scioglicalcare
  • Prodotti per stasare le tubature
  • Candeggina
  • Ammoniaca
  • Antiruggine

Gli effetti dell’ingestione di composti caustici sono vari perché è diversa la composizione di ogni prodotto e la quantità delle sostanze tossiche. Chi beve soda caustica o altre sostanze corrosive di solito avverte uno o più dei seguenti sintomi:

  • Tosse
  • Crampi
  • Irritazione delle mucose
  • Vomito
  • Dolori addominali
  • Convulsioni
  • Tratto gastrointestinale bruciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *