News

Frasi razziste su Facebook, condannati quattro italiani

Condanna esemplare per quattro italiani. Non hanno usato i social per scrivere “Buongiornissimo kaffeee!!!111” ma per scrivere frasi razziste. Denunciati per la Legge Mancino, sono stati condannati a leggere libri sul tema dell’immigrazione e a non usare Facebook.

Cosa fare contro il razzismo

Ogni giorno leggiamo frasi piene di odio contro i migranti, insulti e minacce verso il “diverso”. Quattro italiani tra i 34 e 56 anni hanno esagerato e sono stati denunciati in base alla Legge Mancino. La vicenda fa discutere perché la pena è esemplare. Il razzismo si può combattere solo con la cultura. I quattro personaggi sono stati quindi condanna a leggere libri e vedere film sull’immigrazione. I giudici li hanno invitati a riflettere su questo argomento e gli hanno vietato l’utilizzo dei social. Il processo verrà archiviato se si ravvederanno dopo aver scontato l’insolita pena.

Post razzisti su Facebook

Sono tanti le frasi razziste scritte su Facebook che incitano alla violenza: “Diamo fuoco al palazzo con loro dentro”. Sul gruppo “Sei di Portogruaro se” si leggeva anche: “Bisogna aiutarli, ne ospitiamo uno in ogni casa e li laviamo con la benzina e poi li asciughiamo col lanciafiamme e tutto è risolto”, “Gente sporca, devono morire, se trovo uno di loro gli verso dell’acido di batterie così capiscono che non li vogliamo”. Gli autori di questi post, come anticipato, sono stati denunciati per aver violato la Legge Mancino con l’aggravante della discriminazione razziale.

Il Messaggero Veneto che ha riportato la notizia, ha specificato che il processo è stato sospeso. La condanna non è solo di tipo educativo, gli imputati devono pagare di 200 euro a titolo di risarcimento del danno e per 4 ore alla settimana saranno impegnati in lavori di pubblica utilità. I giudici convocheranno saltuariamente i quattro italiani per valutare se la pena è stata rispettata: saranno interrogati e dovranno produrre brevi scritti sul tema che devono studiare. Il prossimo appuntamento in aula è per il 14 maggio 2019.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.