Freccero Recluta Grillo in Rai? “Sarebbe un Evento”

By | 27 gennaio 2016

Freccero Assolda Grillo in RaiIl consigliere Carlo Freccero vuole riportare Beppe Grillo, il leader del M5S, in Rai? Sembra proprio di sì. Eppure il comico e politico ligure, nei giorni scorsi, aveva lanciato strali contro la Rai, dal suo blog, tacciando la televisione pubblica di essere “fascista”

loading...

 

Il co-fondatore del MoVimento aveva scritto sul suo blog:

“La Rai è diventata una televisione fascista che censura su tutti i tg le notizie scomode per il Governo che ne ha nominato i vertici come in Polonia”.

Grillo ha sottolineato che la Rai si è occupata essenzialmente del caso Quarto senza dare una minima rilevanza ai rapporti tra Pd e ‘ndrangheta in Emilia Romagna. Il Pd, invece, sostiene che le parole di Grillo sono minatorie nei confronti dei giornalisti.

Intanto Carlo Freccero, sfruttando il ritorno di Grillo al cabaret, ha asserito di voler riportare il ‘padre’ del M5S in Rai:

“Sarebbe un evento e sarebbe anche la prova che la Rai è una televisione indipendente. Grillo è un valore sicuro”.

L’idea di Freccero sarebbe quella di mandare in onda su Rai 1 lo show dell’ultima tournée teatrale del comico e politico genovese. Il dem Michele Anzaldi, però, ha fatto innervosire il consigliere:

“Freccero vuole riportare in Rai Grillo, leader del partito che lo ha nominato in cda”.

Freccero ha replicato subito ad Anzaldi sottolineando di non essere un uomo di propaganda e che il suo obiettivo è riportare in Rai non solo Grillo ma anche personaggi come Fiorello, Benigni e Celentano.

Il consigliere reputa sciocco chi ritiene che il suo progetto rappresenti una strategia a favore del M5S. Durante un’intervista all’Ansa, infatti, ha spiegato:

“La mia idea è un programma in 16 puntate intitolato ‘A volte ritornano’… Faccio notare che i 4 personaggi che vorrei tornassero in Rai sono di area culturale diversa”.

Intanto Grillo schernisce la Rai sul suo blog:

“Possono costringerci a pagarla infilandola in bolletta, ma non possono costringerci a guardarla”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *