Giorgio Napolitano contrario al voto anticipato: ‘Produce incertezza politica’

By | 7 giugno 2017
loading...

Giorgio Napolitano contrario al voto anticipatoMentre si lavora sulla legge elettorale ‘alla tedesca’ e mentre i partiti cercano di accordarsi in merito, l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, spara a zero contro i presunti ‘inciuci’. Secondo il presidente ‘emerito’ l’accordo tra i quattro leader dei partiti è basato solo sulle loro ‘convenienze’. Napolitano non apprezza neanche il grande desiderio di fissare la data delle nuove elezioni. A proposito, per il ‘re Giorgio’ nuove elezioni creerebbero solo ‘incertezza politica’.

Intanto Grillo va a Taranto

Un accordo basato solo sugli interessi dei leader di quattro partiti. Nulla di più. Questo è il pensiero di Giorgio Napolitano sulla nuova legge elettorale. Che questa non piaccia a molti politici è indubbio. Hanno espresso, ad esempio, il loro malcontento sia Salvini che Grillo. Il leader del M5S è stato a Taranto, nelle ultime ore, e dalle sue parole è emerso uno scarso interesse per questa legge elettorale: ‘Oggi sono stato a Taranto ed ho visto i segni che l’Ilva ha lasciato sulla città. Per questa gente la legge elettorale è l’ultimo dei problemi. E questo è ciò che ho detto loro’. Il Pd trema e sa che, fino al voto finale in Senato, tutto è in ballo. Basta una mossa falsa e salta l’accordo.

Le parole di Giorgio Napolitano, comunque, non sono andate giù a molti politici, ovviamente a quelli che vogliono il voto anticipato. Per l’ex Capo dello Stato recarsi alle urne produrrebbe solo incertezza politica. Molti temono che anche il successore di Napolitano la pensi così. Il nuovo presidente della Repubblica, tuttavia, ha già sottolineato che ‘prenderebbe atto della volontà maggioritaria del Parlamento’. Il leader dei Pd, Matteo Renzi, intanto cerca di ‘gettare acqua sul fuoco’, affermando che non c’è fretta di andare alle urne. Poi, comunque, l’esponente dem dice che l’obiettivo è ridurre la tassazione, facendo intuire che lui è già in campagna elettorale. Quando si svolgeranno le prossime elezioni politiche? Difficile saperlo: nel Pd qualcuno ha ‘tirato fuori dal cilindro’ la data del 24 settembre. Gli italiani dovranno recarsi alle urne nuovamente in autunno?

Le elezioni anticipate non piacciono a Napolitano

Non è la prima volta che Giorgio Napolitano manifesta il suo risentimento per le elezioni anticipate. Lo scorso febbraio, ad esempio, aveva detto: ‘Nei Paesi civili si va alle elezioni a scadenza naturale e da noi manca ancora un anno. In Italia c’è stato un abuso del ricorso alle elezioni anticipate. Bisognerebbe andare a votare o alla scadenza naturale della legislatura o quando mancano le condizioni per continuare ad andare avanti. Per togliere la fiducia a un Governo deve accadere qualcosa. Non si fa certo per il calcolo tattico di qualcuno’.

Se c’è qualcuno che detesta non poco le elezioni anticipate, beh, questo è proprio Giorgio Napolitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *