News

Giuliano Pisapia subordina alleanza con Renzi alle primarie

Pisapia chiede primarie centrosinistra a RenziL’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia non teme certo l’ex premier Matteo Renzi e fa una provocazione: ‘Matteo Renzi faccia le primarie se davvero vuole la coalizione di centrosinistra, poi vediamo chi le vince’. Il fondatore di Campo Progressista ha espresso la sua opinione nel corso di un’intervista a Radio Popolare. Un’alleanza solida, per l’ex sindaco di Milano, viene alla luce solo in questo modo. Il Pd, inoltre, dovrebbe cambiare passo e muoversi diversamente da come ha fatto fino ad oggi. Pisapia crede nel centrosinistra unito ed è certo che il Pd è privo di autonomia.

La legge elettorale non è una priorità

Nel corso del suo breve discorso, durante la festa di Radio Popolare, a Milano, Giuliano Pisapia ha lanciato un invito chiaro e deciso a Renzi: ‘Primarie di coalizione per ricostruire il centrosinistra, poi decideremo chi saranno i candidati’. Secondo l’ex primo cittadino di Milano, non è una priorità, adesso, l’accordo con Lega, M5S e Forza Italia sulla legge elettorale. Sarebbero fondamentali, invece, cinque leggi già approvate da una camera del Parlamento, come quelle sul reato di tortura e il codice antimafia. Ci sono altre priorità, per Pisapia, che vanno affrontate nel prossimo semestre. Poi sarà tempo di elezioni. Ha le idee chiare il ‘padre’ di Campo Progressista, che fissa la tabella di marcia: ‘Dopodomani si convochi una capigruppo al Senato che fissi il calendario, così si vedrà chi ci sta e chi non ci sta. Servirà anche per il futuro, per vedere chi va a sinistra e chi a destra’.

Il discorso di Pisapia è piaciuto a molti esponenti del centrosinistra italiano. Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana, ad esempio, ha asserito che una legge sul reato di tortura la voterebbe anche ‘con il diavolo’. Niente apertura dell’ex sindaco di Milano a Renzi, dunque, specialmente dopo il flop parlamentare sulla legge elettorale. Ai microfoni di Rainews24, il leader di Campo Progressista ha detto: ‘La cosa mi colpisce, io sono per il massimo dell’unità ma non si può fare un’apertura dopo mesi e mesi in cui abbiamo cercato un’alleanza di centrosinistra in discontinuità e soprattutto dopo una sconfitta come quella di ieri, che presupponeva coalizioni diverse […]’.

Ex sindaco di Milano non vuole posti in lista

Giuliano Pisapia non cede alle proposte e alle lusinghe di Matteo Renzi, sottolineando che la coerenza è, in fin dei conti, ancora ‘una virtù’. Il centrosinistra che immagina Pisapia, e che verrà presentato il prossimo 1 luglio 2017, è diverso da quello programmato dall’ex sindaco di Firenze. Se Renzi, dunque, ha intenzione di proporre posti in lista all’ex sindaco di Milano è meglio che si dedichi ad altro, o meglio che li proponga ad altri. A Pisapia non interessano.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.