Curiosità

Il castagno dei cento cavalli

Il castagno dei cento cavalli è l’albero dei record

Forse non tutti sanno che in Sicilia e più precisamente nel comune di Sant’Alfio, ricadente all’interno del Parco dell’Etna si trova il più antico albero dell’intera Europa. Infatti secondo le analisi effettuate da diversi biologi in tempi differenti è risultato che il castagno ah un’età che varia dai 2000 ai 4000 anni circa. Un’età davvero eccezionale per un castagno. E’ sicuramente l’albero più grande d’Italia, inoltre da uno studio sponsorizzato da Super Quark è addirittura emerso che il castagno siciliano avrebbe la circonferenza più ampia del mondo.


E’ questo vetustissimo albero un castagno dalla proporzioni gigantesche, che domina con la sua mole e la sua storia il bosco di Carpineto.
La bellezza e l’eccezionalità dell’albero fecero sì che sotto le sue fronde sorgessero miti e leggende: direttamente da una di queste deriva il suo nome. La leggenda vuole infatti che un giorno una regina, forse Giovanna d’Aragona, forse ancora Isabella d’Inghilterra, moglie dell’imperatore Federico II, col suo seguito costituito da cento cavalieri fosse sorpresa da un burrascoso temporale durante un suo viaggio, muovendosi di riparo in riparo, ma non trovandone alcun adatto al suo numeroso seguito, l’imperatrice arrivò d’innanzi al maestoso castagno che funse da ottimo riparo per sé e per la sua guardia.
Le prime notizie di operazione atte alla tutela  dell’albero, la prima legge sulla tutela ambientale in Italia, si hanno nel 1745: a quei tempi il castagno era già famoso e molti artisti e studiosi europei che intraprendevano il Grand tour tra sud-Italia e Sicilia si recavano a visitarlo; di queste illustri visite ci è rimasto un importate ricordo in uno dei disegni di Houel. Il suo fusto è talmente ampio che al suo interno, come si può ammirare nel disegno di Houel,  vi era una piccola abitazione contadina: oggi la struttura è stata smantellata per una migliore salvaguardia dell’albero.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.