Ilona Staller e figlio al Maurizio Costanzo Show

By | 7 novembre 2016

Ilona Staller, in arte Cicciolina, e il figlio Ludwig sono stati ospiti, ieri sera, del Maurizio Costanzo Show. L’ex star del cinema ‘spinto’ ha parlato della sua vita e del difficile rapporto con l’ex marito, lo scultore americano Jeff Koons, che ha iniziato una vera battaglia legale contro di lei. Non è stato facile per la Staller avere la meglio ed ha potuto rivedere il figlio solo grazie a un espediente ‘estremo’.

Costretta a rapire Ludwig

L’ex attrice, davanti alle telecamere del Maurizio Costanzo Show, non si è vergognata di dire che è stata costretta a rapire il figlio. Ilona Staller crede che se non avesse commesso tale gesto avrebbe rivisto suo figlio solo quando sarebbe stato maggiorenne. L’ex marito di Cicciolina aveva portato Ludwig negli Usa. L’attrice, allora, si rivolse a uno studio legale statunitense. I giudici americani, però, non avrebbero mai dato ragione alla Staller e, allora, questa ha rapito il figlio e l’ha portato in Italia. Si è soffermato sulla vicenda, ieri, anche il protagonista della vicenda, Ludwig, che ha detto di essere ancora irritato coi genitori. Con il padre si vede ogni tanto e coi fratelli non ha un buon rapporto: li ha definiti ‘ragazzini’.

Cicciolina compirà 65 anni il prossimo 25 novembre 2016

Il prossimo 25 novembre 2016 Ilona Staller compirà 65 anni e, certamente, avrà il figlio Ludwig accanto a sé. Oggi Cicciolina è ricca e famosa. I soldi, Ilona, li ha fatti grazie al mondo del cinema ‘spinto’. Negli anni ’80 era un mito assieme ad attrici del calibro di Moana Pozzi. La vita, però, non è sempre stata facile per Ilona, specialmente, in gioventù. Nata in un quartiere poverissimo di Budapest, la futura attrice venne molestata da un vicino di casa e stuprata, a 13 anni dal fidanzato. Ilona è stata la prima donna, in Italia, ad esibirsi ‘senza veli’ durante uno show. Era il 1976.

Vitalizio di 2000 euro al mese

Grazie al partito Radicale di Marco Pannella, Cicciolina entrò in Parlamento e, grazie a quella breve permanenza in Parlamento, ogni mese prende 2000 euro di vitalizio. Una somma che rappresenta un miraggio per la maggior parte di italiani che lavorano duro, dalla mattina alla sera. Eppure, 2000 euro sono pochi per Ilona Staller, che è abituata a cachet faraonici. 2000 euro sono spiccioli per una donna che sposò uno dei più ricchi artisti contemporanei. Nel corso di una recente intervista, Ilona ha sottolineato che è favorevole al taglio dei vitalizi ma non quelli minimi. Insomma, ha fatto intendere di essere propensa all’eliminazione delle ‘pensioni d’oro’ degli ex parlamentari ma non della sua, visto che ammonta a ‘soli’ 2000 euro al mese.

Cosa ci fa la Staller con il vitalizio? Beh, tale somma verrebbe spesa interamente per pagare le tasse (Ici, Imu, Tasi etc.). Certo che la pressione fiscale italiana è proprio elevata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...