News

Quentin Tarantino: decimo film e poi addio al cinema

Quentin Tarantino ha voglia di lasciare il mondo del cinema. Il regista di film emozionanti, che hanno sbancato i botteghini, come ‘Pulp Fiction’, ha intenzione di ritirarsi. Già un paio d’anni fa, il noto cineasta americano aveva rivelato di volersi ritirare. A quanto pare, Quentin girerà altri 2 film e poi dirà basta ai ciak. I fan di Tarantino non apprezzano tale scelta e vorrebbero che il loro idolo lavorasse ancora per molti anni.

Una carriera stellare non va rovinata

Nel 2014 Quentin aveva detto durante un’intervista che, sebbene non l’avesse inciso sulla pietra, il suo più grande desiderio era quello di abbandonare il cinema. Il regista di ‘Pulp Fiction’ ha ribadito il suo intento anche lo scorso 3 dicembre, durante la conferenza stampa presso il Convention Center di San Diego. Tarantino ha sottolineato di voler continuare a lavorare bene, arrivare al decimo film e, soprattutto, non danneggiare tutto quello che di buono è stato fatto nell’arco di una carriera stellare. Ecco, questo è il modo migliore, secondo il celebre cineasta, per terminare bene una carriera.

Quentin Tarantino ha asserito più volte di voler terminare la sua carriera dopo il decimo film. Giudicando che ‘The Hateful Eight’ (uscito l’anno scorso) è il suo ottavo film, al regista gliene rimangono altri 2. Rispetto agli altri colleghi, il cineasta losangelino ha realizzato poche pellicole che, a questo punto, potrebbero rappresentare l’80% della sua filmografia. Quentin ha espresso l’intenzione di fermarsi, dopo il decimo film anche durante il festival cinematografico di Gerusalemme. Il regista ha sottolineato che il suo è un mestiere da giovani. Lui non vuole rovinare la sua carriera e desidera lasciare al suo pubblico la voglia di qualcos’altro.

A 75 anni un ‘film geriatrico’?

Quentin ha dichiarato che, magari, quando avrà 75 anni gli verrà in mente di girare un nuovo film, ma sarà qualcosa di diverso dalla sua filmografia giovanile, dai 10 film che lo hanno reso celebre e che gli hanno dato grandi soddisfazioni. Insomma, Tarantino non esclude un ‘film geriatrico’ ma sottolinea che non farà parte delle sue ‘perle giovanili’.

Durante la conferenza che si è svolta recentemente presso il San Diego Convention Center, Quentin Tarantino ha spiegato che il successo, secondo lui, è essere ricordato come uno dei migliori registi che siano mai vissuti. Il cineasta vorrebbe essere ricordato non tanto come un grande regista ma come un eccezionale artista.

Forse non tutti sanno che, prima di scrivere la sceneggiatura di un’opera, Quentin si chiude in una camera per ascoltare musica. Secondo lui, vari profili del linguaggio di ogni film ruotano attorno a una canzone o a una melodia.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.