Juliana Moreira bullizzata a scuola: ‘So bene cos’è il bullismo’

By | 12 febbraio 2018

Juliana-Moreira-vittima-dei-bulliUn passato non sempre pieno di sorrisi quello della showgirl Juliana Moreira. La 35enne brasiliana ha rivelato ai microfoni de La Stampa di essere stata bullizzata a scuola. ‘Era una ragazzina che mi faceva tantissimi dispetti e ogni giorno minacciava di picchiarmi’, ha detto Juliana riguardo alla ragazzina che la maltrattava a scuola, deridendola per la sua altezza. Purtroppo, come spesso accade, le minacce verbali si sono trasformate in percosse. La Moreira sa bene cosa sia il bullismo e non è un caso che sia stata testimonial di una campagna del Telefono Azzurro contro il bullismo.

Il consiglio di Juliana Moreira

Oggi Juliana Moreira è serena e felice ma non ha dimenticato le brutte esperienze passate, legate al bullismo. Una raccomandazione ai più piccoli: ‘Io non ho mai avuto il coraggio di denunciarla, ma voi non commettete il mio stesso sbaglio’. La 35enne esorta le vittime di bullismo a non tacere, parlando delle soperchierie subite dai coetanei agli educatori, ai genitori e ai parenti.

La campagna del Telefono Azzurro

loading...

A dire ‘no’ al bullismo non è solo Juliana Moreira ma anche tante altre celebrità, come il marito Edoardo Stoppa, Amadeus, Francesco Totti e Alex Zanardi. Campioni nello sport, nello spettacolo e nella vita che hanno ‘prestato’ il loro volto alla nuova iniziativa del Telefono Azzurro per divulgare il claim #NonStiamoZitti dinanzi al bullismo.

Psicologi e operatori del Telefono Azzurro hanno riscontrato un caso di bullismo al giorno (dato relativo al 2017). Il 10% delle segnalazioni fatte al Telefono Azzurro concerne proprio il bullismo e il cyberbullismo. Le richieste di aiuto provengono specialmente dal Nord (46%); poi dal Sud, dalle Isole e dal Centro. Preoccupa anche il bullismo psicologico: il 35% degli studenti ha rivelato di esserne stato vittima a scuola. Il bullismo va anche combattuto con l’alleanza, il dialogo, la cooperazione e la consapevolezza del fenomeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *