Marijuana, studio shock: chi la fuma è più attivo sotto le lenzuola

By | 30 ottobre 2017

Marijuana fa aumentare rapporti 'intimi': studio UsaE’ destinato certamente a far discutere uno studio Usa secondo cui chi fuma abitualmente marijuana consuma più rapporti ‘intimi’ rispetto a chi non la fuma. A svolgere la ricerca sono stati gli esperti dell’università di Stanford. Il consumo di cannabis, in poche parole, aumenta del 20% la frequenza dei rapporti ‘piccanti’ col partner. Michael Eisenberg, uno degli studiosi attivi nella ricerca, ha affermato che, contrariamente a quanto si crede, le coppie non fumano dopo i rapporti. Gli esperti americani sono arrivati a dire questo dopo aver valutato le abitudini di cinquantamila americani tra i 25 e i 45 anni. Il dottor Michael Eisenberg, assistente di urologia, ha affermato che vede spesso pazienti, presso lo Stanford University Medical Center, che lamentano problemi a consumare rapporti ‘intimi’ coi loro partner. Visto che la marijuana è diventata ormai legale in molti Stati americani, Eisenberg ha voluto valutare i suoi effetti sulle performance sotto le lenzuola. Ebbene, dopo lo studio è rimasto stupito.

Più fumo e più rapporti

L’indagine degli esperti dell’università di Stanford si è concentrata sulla quantità di rapporti ‘intimi’ e sulla frequenza di ‘fumate’. Le donne che non avevano mai fumato marijuana avevano detto di aver consumato 6 rapporti intimi nell’arco di 4 settimane; le fumatrici, invece, avevano fatto l’amore mediamente 7,1 volte.

Il trend era analogo anche per gli uomini: i non fumatori avevano rivelato di aver fatto l’amore in media 5,6 volte nelle ultime 4 settimane; quelli che avevano fumato cannabis, invece, 6,9 volte in media.

‘Siamo rimasti sorpresi davanti alla stramba correlazione. Un nesso indipendente dalla razza, dal sesso, dall’età e dallo stato civile’, ha spiegato Eisenberg.

I ricercatori hanno scoperto la correlazione tra consumo di marijuana e prestazioni migliori sotto le lenzuola ma non hanno spiegato la ragione.

Eisenberg ha spiegato che studi passati, condotti sugli uomini e sui roditori hanno dimostrato che il consumo di marijuana può generalmente incrementare l’eccitazione; tuttavia, è stato anche dimostrato che il consumo abituale di marijuana riduce il numero di spermatozoi, quindi la fertilità maschile.

Impatto diverso sulle persone?

Joseph Palamar, professore associato del Department of Population Health, presso la New York University, ha affermato che il consumo di marijuana può avere un impatto diverso sulle persone. Secondo lui, saranno necessari altri studi per confermare l’impatto della cannabis sulle performance sotto le lenzuola.

Palamar ha condotto una ricerca incentrata sulla comparazione degli effetti dell’alcol e della marijuana sui rapporti ‘piccanti’. Lo studioso ha notato che i bevitori di alcolici, rispetto ai fumatori di cannabis, tendono ad essere più audaci e sociali, riuscendo facilmente ad instaurare relazioni coi potenziali partner. Siccome la marijuana è ancora illegale in molte nazioni, a differenza dell’alcol, Palamar ha scoperto che la maggioranza delle persone deve fumare in posti appartati e ciò potrebbe portare creare ‘occasioni di intimità’.

La marijuana potrebbe aumentare la sensibilità di certe persone durante i rapporti ‘intimi’, anche se molti fumatori hanno detto di non aver prestato molta attenzione ai partner, restando, alla fine, insoddisfatti.

Sia Eisenberg che Palamar sperano che i loro studi sugli effetti della marijuana sulle performance sotto le lenzuola indurranno altri studiosi ad iniziare ricerche più approfondite sull’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *