News

Marina Berlusconi umilia Di Battista: ‘Mio padre nei libri di storia, lui non credo’

Marina Berlusconi: la staffilata ad Alessandro Di BattistaA Marina Berlusconi, figlia di Silvio, non piace quando qualcuno critica o attacca il padre, perdendo di vista il sereno e pacifico dibattito politico. Marina ha recentemente voluto esprimere la sua opinione sulle parole di Alessandro Di Battista, ex grillino, e sulla sentenza di primo grado sulla trattativa Stato-mafia, che ha condannato a 12 anni di reclusione l’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri, caro amico e collaboratore di Silvio Berlusconi.

Marina Berlusconi chiosa le recenti parole del padre

La figlia di Silvio Berlusconi, che ricopre da tempo gli incarichi di presidente di Mondadori e Fininvest, ha detto ai microfoni dell’Ansa: ‘Mio padre si è conquistato un posto nei libri di storia, del signor Di Battista non credo che su questi libri troveremo grandi tracce’.

La frase di Marina Berlusconi è arrivata a margine dell’assemblea della Mondadori, chiosando le recenti parole sul ruolo che, secondo lui, avrebbero i pentastellati nella sua azienda: quello di pulitori di cessi.

Di Battista: berlusconismo male assoluto

“Beh, cosa volete si risponda a chi ti dice di non voler nemmeno sedersi a un tavolo con te, dimostrando un assoluto disprezzo della democrazia? O a chi addirittura ti definisce ‘il male assoluto’, come dire Stalin, Hitler, il diavolo?”.

E’ chiaro il riferimento della Berlusconi ai recenti attacchi di Alessandro Di Battista, che ultimamente ha espresso pubblicamente tutti i mali del ‘berlusconismo’.

“Io considero da 25 anni Berlusconi e ancor di più il ‘berlusconismo’ con tutte le sue manifestazioni successive (il renzismo ne è una delle tante) il male assoluto del nostro Paese’, recita il post pubblicato recente su Facebook da Di Battista.

La potente Marina loda Silvio

Parole pungenti quelle dell’ex grillino, che hanno fatto trasalire la presidente di Mondadori. ‘Se non fosse drammatico, perché c’è di mezzo il futuro del Paese, sarebbe da prenderla come la ridicola sparata di ragazzi arroganti che non hanno nulla di costruttivo da proporre e quindi devono cercarsi a tutti i costi un nemico. Stiamo parlando di un signore, mio padre, che è uno dei più grandi imprenditori italiani, ha creato dal nulla un gruppo che dà lavoro a 20mila persone, un gruppo che ha pagato dalla sua nascita 10 miliardi di tasse. Stiamo parlando di un signore che ha innovato nelle imprese e in politica, ha raccolto oltre 200 milioni di voti, ha guidato l’Italia per 9 anni realizzando innumerevoli riforme, ha ridato orgoglio a questo Paese trattando da pari a pari con i più grandi leader del mondo’, ha asserito Marina Berlusconi.

Sentenza ingiusta

‘Mio padre alza il telefono e parla con Vladimir Putin o con Angela Merkel, e chi lo offende parla al massimo con un comico o un esperto di computer. Mio padre si è conquistato un posto nei libri di storia, del signor Di Battista non credo che su questi libri troveremo grandi tracce’, ha aggiunto Marina.

La 51enne afferma che il padre finirà nei libri di storia non solo per essere stato premier per 4 volte ma anche per la sentenza emessa recentemente sulla trattativa Stato-mafia. Una sentenza ingiusta per la Berlusconi, nonché ‘priva di fondamento’.

‘L’Italia non merita di vedere la propria storia riscritta da sentenze come quella. Quella sentenza, quel verdetto e anche il modo con cui è stata per andare contro mio padre con la giustizia non hanno assolutamente niente a che vedere. Perché la giustizia dovrebbe guardare ai fatti e basarsi sui fatti. I fatti li conosciamo e nel processo non è stato presentato lo straccio di una prova’, ha spiegato la manager milanese.

Tra le 10 ereditiere più ricche al mondo

Marina Berlusconi, 10 anni fa, venne inserita da Forbes nella classifica delle 10 ereditiere più ricche al mondo. Il celebre magazine la definì donna più potente d’Italia.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.