Pelle secca d’inverno, cause e rimedi: lo scrub

By | 8 dicembre 2017

Quando le temperature si abbassano e arriva l’inverno la pelle diventa più secca. Come mai? Il freddo e lo smog rappresentano certamente due grandi nemici della pelle, che la rendono più vulnerabile e sensibile, non consentendole di rinnovarsi. E poi d’inverno la cute non produce grassi come d’estate. Quando fa freddo, dunque, molti devono lottare contro la pelle secca. Spesso gli stessi dermatologi non riescono a trovare la cura giusta, perché i motivi per cui la pelle diventa secca sono vari.

La vasocostrizione e il lavaggi frequenti

Il docente di dermatologia all’Università di Milano, Marcello Monti, ha affermato che la vasocostrizione (contrazione del diametro dei vasi sanguigni della pelle) è solo una delle cause della secchezza della cute d’inverno.

‘Oltre alla vasocostrizione, all’origine della pelle secca possono esserci anche i lavaggi frequenti, soprattutto se si utilizzano saponi, il vento, l’umidità relativa bassa, la permanenza a lungo in ambienti condizionati, l’uso di profumi alcolici, la frequentazione di piscine’, ha spiegato il professor Monti.

Ovviamente, anche l’età può favorire la secchezza della pelle. Gli anziani, rispetto ai giovani, tendono ad avere una pelle più secca, così come i bimbi under 3.

Diminuire frequenza dei lavaggi

Ci sono rimedi per la pelle secca? Il professor Monti ha detto che ‘bisogna diminuire la frequenza dei lavaggi e utilizzare al posto dei saponi le creme da lavaggio, prodotti che non fanno schiuma e lavano come un comune detergente ma lasciano la pelle morbida…’.

Pelle secca perché si beve poca acqua?

In passato si associava la secchezza della pelle all’assunzione di poca acqua; insomma si credeva che chi beveva poca acqua rischiava maggiormente di avere la pelle secca. In realtà, recenti studi hanno suggerito che non c’è nessun nesso tra ‘quantum’ di acqua che si beve e pelle secca.

Scrub: esfoliazione superficiale dell’epidermide

Molte persone, per rendere la pelle meno secca, ricorrono allo scrub, ovvero l’esfoliazione superficiale dell’epidermide. In sostanza vengono rimosse le cellule morte donare lucentezza e tonicità alla pelle.

Non ci vuole molto per effettuare uno scrub, gli ingredienti sono facilmente reperibili.

Lo specialista Santo Raffaele Mercuri, operante presso l’ospedale San Raffaele di Milano, ha detto: ‘Fare uno scrub alla settimana è utile per rinnovare lo strato superficiale della pelle del viso così come quella del corpo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *