Curiosità

Ragazza con sindrome di Down si laurea con 110 e lode

Giulia Sauro laureata in Scienze politiche a NapoliGiulia Sauro, 33 anni, è una ragazza coraggiosa e intelligente. Giulia vive a Napoli ed è affetta da sindrome di Down. Negli ultimi giorni la giovane è balzata agli onori delle cronache perché si è laureata in Scienze politiche con 110 e lode. Un risultato fantastico. In Italia hanno conseguito il titolo accademico altre due persone affette da sindrome di Down. In questi giorni Giulia ha parlato di sé e dei suoi studi anche ai rappresentanti delle istituzioni locali, come il sindaco di Napoli De Magistris e il governatore della Campania De Luca.

Laurea all’Università Orientale di Napoli

Vincenzo De Luca ha definito Giulia Sauro ‘un esempio di intelligenza, forza di volontà e coraggio’. Il primo cittadino di Napoli invece ha ricordato che la neo laureata è la terza persona affetta da sindrome di Down, in Italia, che consegue il titolo accademico.

La 33enne si è laureata all’Università Orientale di Napoli con una tesi sulla Rivoluzione Francese. Il relatore della tesi è stato lo storico Luigi Mascilli Migliorini. Importante per raggiungere questo obiettivo è stato senza dubbio lo Sportello per l’orientamento disabili, presso l’Università Orientale, che ha sempre seguito e assistito la giovane Down.

Una ragazza straordinaria

Grazie al progetto ‘Tutorato alla pari’, Giulia ha anche beneficiato della borsa di studio. E se quello della 33enne è definito ‘un risultato straordinario’ dal sindaco De Magistris, De Luca ricorda su Facebook che la Sauro ‘è una ragazza straordinaria, è stato bellissimo incontrarla insieme ai suoi genitori’.

La laurea è sempre stata un sogno per la giovane napoletana affetta da sindrome di Down. La conquista del titolo accademico è il risultato di un percorso in salita. Dopo il diploma Giulia si era iscritta allo Sportello orientamento disabili dell’Orientale, che l’ha sempre assistita e consigliata impeccabilmente. La ragazza deve la sua laurea, però, alla sua solerzia, al suo coraggio e ai suoi genitori, che l’hanno sempre sostenuta.

Papà Achille emozionato e felice

Come tutti gli studenti che credono nell’importanza della cultura e del titolo accademico, la Sauro ha passato tante ore, notte intere, sui libri. Il papà, la mamma e gli amici l’hanno sempre incoraggiata. Giulia, dopo il diploma, aveva optato per il corso di laurea triennale sugli Studi europei, iniziando a superare brillantemente i primi esami.

Achille Sauro, il padre di Giulia, è molto emozionato e felice perché è consapevole dell’importanza che il titolo accademico riveste per la figlia. E’ stato un traguardo raggiunto grazie allo studio, alla caparbietà e all’immensa disponibilità dell’università e dello Sportello orientamento disabili.

Giuseppe D’Alessandro, docente di Storia della filosofia, ha spiegato che ‘lo sportello ha lavorato per dare una risposta a circa 120 studenti con una diversa abilità. Ora Giulia sta leggendo con attenzione le notizie sulla Rete che riguardano il conseguimento del titolo accademico’.

Il padre della 33enne adesso auspica che la figlia trovi presto un lavoro, non tanto per motivi economici ma per dare un senso a tutti i suoi sacrifici.

La storia di Giulia e quella di tanti altri soggetti affetti da Trisomia 21 dimostra che la cultura è per tutti e che anche i disabili o quelli affetti da particolari disturbi hanno il diritto di studiare, conoscere e scoprire le bellezze del mondo. Tanti, tanti auguri Giulia!

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.