News

Allergie primaverili iniziano a farsi sentire: come contrastarle

allergie-primavera-agopunturaIl freddo sta pian piano cedendo il passo alle temperature gradevoli ma molte persone stanno già facendo i conti con le allergie primaverili. Chi vuole evitare i fastidiosi effetti delle allergie deve assolutamente allontanarsi da giardini, prati, campi e terreni non coltivati. Ovviamente chi vive in campagna rischia di più. Da evitare anche le gite in campagna. Chi vuole ottenere informazioni sui pollini in Italia può rivolgersi sempre al Centro di monitoraggio pollini, curato dall’Associazione Italiana di Aerobiologia, che ogni settimana pubblica un bollettino pollinico. Per consultarlo basta scaricare l’apposita app sullo smartphone.

Fare sport in luoghi chiusi

La primavera rischia di diventare un’agonia per le persone allergiche ai pollini. Gli esperti consigliano di viaggiare in auto con i finestrini chiusi ed evitare di andare in giro in moto o in bicicletta. Da prediligere, poi, l’esercizio fisico in luoghi chiusi. Dopo una passeggiata sarebbe bene togliersi i vestiti e farsi una bella doccia. Gli abiti vanno subito lavati.

Nella casa di una persona che soffre di allergie primaverili non ci dovrebbero essere muffe. Nel caso in cui ci fossero, bisogna correre ai ripari usando, ad esempio, un deumidificatore. Inutile ricordare che bisogna togliere spesso la polvere che si accumula sulle suppellettili domestiche. Acari e allergeni possono creare non poco fastidio anche in casa. Chi possiede animali domestici, come cani e gatti, deve evitare il contatto con abiti e lenzuola. Il pelo va lavato almeno una volta a settimana per neutralizzare gli allergeni.

Attenzione a disinfettanti e detergenti

Sembrerà strano, ma possono rivelarsi insidiosi per le persone allergiche anche i detergenti e i disinfettanti, in quanto rilasciano sostanze chimiche nell’aria. Dopo aver usato tali prodotti sarebbe meglio areare gli ambienti. I soggetti allergici, inoltre, dovrebbero stare lontano da tende, parquet e tappeti perché sono dei veri rifugi per batteri e acari.

Per fortuna le allergie possono essere contrastate con numerosi prodotti, anche naturali. Da menzionare, ad esempio, prodotti omeopatici come Euphrasia o integratori minerali come Oximix 3+. Non vanno dimenticati i fitoterapici con azione antinfiammatoria, tra cui olio di perilla e quercitina.

L’agopuntura

Se un soggetto sa di essere allergico, ma vuole trascorrere un pomeriggio o un’intera giornata in giardino, necessita di un antistaminico. Ovviamente, l’utilizzo di tale farmaco non sarà necessario in caso di ridotta esposizione ai pollini.

Esistono tanti rimedi naturali, per arginare le allergie. C’è chi, negli ultimi anni, si è avvicinato anche all’agopuntura e alla fitoterapia per contrastare le allergie primaverili. Una ricerca pubblicata 3 anni fa sull’American Journal of Rhinology & Allergy da un team di studisoi di Shanghai dimostra che l’agopuntura è un metodo valido ed efficace per curare e prevenire le pollinosi. Molti sanno bene che l’agopuntura è una panacea contro i dolori muscolo-scheletrici ma pochi sono al corrente della sua utilità contro le allergie.

L’agopuntura è una delle terapie più antiche al mondo, ed è compresa nella medicina tradizionale cinese. Al paziente vengono inseriti vari di aghi in alcuni punti del corpo per favorire il benessere. Tale approccio terapeutico è fondato sul concetto secondo cui la patologia è causata da una anomala circolazione del qi, ovvero l’energia vitale. Lo scopo dell’agopuntura è quindi promuovere l’armonia energetica della persona, ovvero la condizione di benessere.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.