Auto volanti dal 2020: l’eclatante progetto di Uber

By | 8 novembre 2017

Auto volanti di Uber: progetto straordinarioSono anni che si pensa alle auto volanti, quelle spesso viste nei film di fantascienza. Ebbene, nel prossimo futuro si potranno vedere veicoli volanti e, forse, se ne potranno comprare, sempre che i prezzi non saranno proibitivi. A parlare di macchine volanti, negli ultimi tempi, è stato Uber, il colosso che ha fatto venire il mal di pancia a tanti tassisti. Grazie al progetto UberAIR nascerà un servizio di auto volanti. Lo ha rimarcato Jeff Holden, chief product officer della società, durante il Web Summit di Lisbona. Bisognerà aspettare un po’, prima di vedere le prime macchine volanti che, salvo imprevisti, partiranno da Los Angeles nel 2020. L’azienda ha lanciato il progetto di aviazione ‘Elevate’ e la novità delle auto volanti ne fa parte.

Un servizio che non costerà molto

Uber intende realizzare veicoli elettrici di modeste dimensioni, che decollano e atterrano in verticale, per rendere meno caotica la circolazione specialmente nelle grandi città. Le auto volanti potranno accogliere al massimo 4 persone.

Un servizio del genere, indubbiamente avveniristico, costerà tanto? Assolutamente no. Lo ha assicurato proprio Uber, secondo cui una corsa totalmente elettrica, sfrecciando ad oltre 300 km/h a Los Angeles non costerà di più del servizio UberX, non ancora attivo in Italia.

Grazie alle auto volanti, per arrivare allo Staples Center dall’aeroporto di Los Angeles ci vorrà meno di mezz’ora. Attualmente, con una macchina, ci vuole più di un’ora.

Uber spera che il progetto UberAIR possa essere attuato anteriormente all’inizio dei Giochi olimpici di Los Angeles 2028.

Holden ha aggiunto: ‘Pensiamo che UberAIR possa effettuare attività su larga scala, parliamo di decine di migliaia di voli ogni giorno attraverso la città. A quei livelli, tutto il tempo risparmiato avrà un impatto positivo sull’economia della regione’.

Lieto dell’iniziativa di Uber, che prenderà il via dalla città che amministra, è il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti: ‘Los Angeles è da sempre un luogo aperto agli innovatori. È il luogo perfetto per testare questa nuova tecnologia’.

Uber ha davanti a sé tante sfide da affrontare, come risolvere il problema del traffico nelle grandi città americane. E’ per questo che da tempo pensa alle auto volanti. Il colosso auspica che in futuro i cittadini di Los Angeles usino molto le vetture volanti, in modo da provocare un decongestionamento del traffico sulle strade.

Holden ha anche affermato che Uber ha siglato un accordo con la NASA per contribuire a realizzare una rete specializzata nel controllo del traffico aereo per monitorare i cieli pieni di auto volanti.

La speranza di Holden

‘La tecnologia permetterà ai residenti di L.A. di volare letteralmente sul traffico storicamente cattivo della città. La gente avrà così più tempo per sé. Ci aspettiamo che UberAir effettuerà decine di migliaia di voli ogni giorno in tutta la città’, ha detto Holden ai microfoni di Usa Today.

Durante la conferenza di Lisbona è stato proiettato un video
che mostra una donna sul tetto di un palazzo alto che attende un volo UberAir e poi si unisce a tre passeggeri seduti sui sedili di una macchina volante.

Uber e NASA, nei prossimi anni, collaboreranno intensamente anche su una serie di progetti di gestione del traffico senza pilota e su sistemi aerei senza pilota che in teoria eviteranno incidenti aerei catastrofici nei cieli di aree metropolitane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *