Quanto ‘culturale’ è effettivamente l’Italia?

By | 8 novembre 2017

In tema di bilancio tra beni esportati ed importati, in Europa, la Germania ed il Regno Unito sono le nazioni che primeggiano. E l’Italia? Quanta cultura esporta ed importa il Bel Paese? Shopalike ha cercato di rispondere in maniera esaustiva alla domanda mediante un’utilissima infografica, che vedete a lato, indicante il ‘quantum’ dei beni culturali che entrano ed escono dalle varie nazioni europee. L’infografica si fonda su un dossier stilato da Eurostat. Un’infografica efficace per comparare il trend dell’importazione e dell’esportazione delle diverse nazioni europee, verificando così quanto è ‘culturale’ uno Stato. Quali sono i beni culturali considerati? Beh, sono, in soldoni, oggetti trasportabili facilmente ma frutto dell’estro artistico, che comunicano valori simbolici, artistici ed estetici. La mappa, dunque, tratta antichità, opere d’arte, stampa, libri, prodotti audiovisivi, prodotti culturali, tessili, mappe, film, strumenti musicali, foto e giochi. Gli strumenti musicali non vengono reputati prodotti culturali in sé ma strumenti per esprimersi nel mondo dell’arte e della cultura. Non vengono considerati beni culturali i grossi oggetti, anche quelli che facilitano la fruizione dei contenuti culturali, come lettori CD e tv.

Regno Unito e Germania in pole position

L’Italia, nell’Ue, occupa la settima posizione come nazione esportatrice di beni culturali e la sesta come importatrice. Nel bilancio totale tra Stati esportatori ed importatori, il Bel Paese conquista così il quarto posto, dopo Regno Unito, Germania, e Polonia. Il bilancio positivo della Polonia è di 684 milioni, ovvero 265 milioni di euro in più dell’Italia, il cui bilancio è di 419 milioni di euro).

I beni culturali esportati dall’Italia

Quanti beni culturali esporta l’Italia? In totale un 1 miliardo e 773 milioni di euro. Non male. A trainare il Paese di Dante Alighieri sono i prodotti tessili culturali (ad es. tappeti pregiati e arazzi) e opere d’arte.

E sul versante dell’importazione? Quali sono i prodotti culturali che l’Italia importa di più? Beh, la risposta è simile a quella fornita sul versante dell’esportazione. A spiccare sono sempre beni appartenenti al genere culturale tessile (esportazioni e importazioni si equivalgono in ambito), giochi e film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *