Bob Dylan vince Nobel per la Letteratura

By | 13 ottobre 2016

Ancora una volta il ‘menestrello d’America’ ha stupito. Bob Dylan è riuscito a vincere il Nobel perché ha ideato “una nuova espressione poetica nella grande tradizione musicale americana”

 

Ad annunciare l’assegnazione del Nobel per la Letteratura al grande cantautore americano è stata Sara Danius, segretario permanente dell’Academy svedese. La notizia sta facendo il giro del web, grazie soprattutto ai social.

La nomina di Bob Dylan ha spiazzato un po’ tutti

Come ogni anno, prima della premiazione sotto stati fatti molti pronostici ma, sinceramente, la vittoria di Bob Dylan ha spiazzato un po’ tutti. Non sempre si riesce, infatti, a pronosticare la ragione per cui l’ambito riconoscimento in campo artistico e letterario viene assegnato a una determinata personalità. L’Accademia svedese ha voluto conferire il Nobel a Bob Dylan perché il cantante, con le sue ballate, è riuscito a dare vita a una nuova forma poetica nell’ampia tradizione musicale statunitense. Dylan riceverà il premio il prossimo 10 dicembre 2016, quando ricorrerà l’anniversario della morte di Alfred Nobel.

Francesco De Gregori felice per il Nobel a Bob Dylan

Bob Dylan, al secolo Robert Allen Zimmerman, ha moltissimi fan nel mondo. Tra gli ammiratori più famosi del ‘menestrello d’America’ c’è Francesco De Gregori. Il cantautore romano non ha mai nascosto la sua ‘adorazione’ per Bob, uno degli artisti a cui si è sempre ispirato. Non a caso, l’anno scorso Francesco ha pubblicato il disco “Amore e Furto – De Gregori canta Bob Dylan”, contenente canzoni dell’artista americano tradotte e reinterpretate.

Francesco De Gregori è felice per il Nobel a Bob Dylan e dice che tale premiazione non sottolinea solo che Dylan è il più grande scrittore di canzoni di tutti i tempi ma che oggi le canzoni sono parte integrante della letteratura e permettono di raccontare le vicende degli uomini e il mondo.

Sara Danius spera che l’Academy non venga criticata

Parlando ai giornalisti, dopo l’annuncio, Sara Danius ha detto di sperare che l’Academy non sia criticata per la sua scelta. Bob Dylan, secondo la Danius, è un artista che ha saputo sempre reinventarsi, migliorando ed entusiasmando i suoi fan. Robert Allen Zimmermann nacque a Duluth, in Minnesota, nel 1941. Imbracciò la sua prima chitarra quando aveva 14 anni ed iniziò a suonare con diverse band sin dai tempi del liceo. Dopo essersi trasferito a New York, nel 1961, Bob Dylan si esibì in bar e club del Greenwich Village. Nel 1962 venne rilasciato il suo primo disco, “Bob Dylan”; poi, ne seguirono altri. Gli album di quei tempi sono oggi definiti dei veri capolavori della musica di ieri, oggi e domani. Parliamo di opere come “Blonde On Blonde” e “Blood On The Tracks”. E’ indubbio che Bob Dylan sia uno degli artisti più influenti della musica popolare contemporanea.

Il Comitato del Premio Nobel ha rimarcato che gli album di Dylan ruotano attorno a temi importanti come le condizioni sociali dell’uomo, la religione, la politica e l’amore. A decidere di assegnare il Nobel per la Letteratura a Bob Dylan sono stati 18 membri dell’Academy.  ll cantautore americano ha avuto la meglio su grandi artisti, tra l’altro dati per vincitori dalla maggioranza dei bookmakers, come Haruki Murakami e Ngugi wa Thiong’o.

La Danius ha consigliato a chi non conosce bene le opere di Bob Dylan di iniziare ad ascoltare “Blonde on Blonde”, straordinario album del 1966. Il segretario permanente dell’Academy svedese, pur riconoscendo il grande talento di Dylan, ha ammesso che in gioventù era una grande fan di David Bowie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *