Curiosità

Bolzano: dove il lavoro non è una chimera, boom di occupati

In Italia manca il lavoro ma forse tutti non sanno che in certe città un impiego si trova prima, o meglio si trova, e le buste paga sono più alte. Il vero bengodi d’Italia, sul versante dell’occupazione, è il Nord. Non è una novità, lo sappiamo, ma volevamo solo riportare qualche dato emergente dal dossier diffuso recentemente dall’Osservatorio Statistico dei consulenti di lavoro e presentato nelle ultime ore a Napoli. Sarebbe Bolzano la città italiana con meno disoccupati e dove si guadagna di più rispetto agli altri centri italiani, specialmente quelli del Meridione.

La maglia nera va a Reggio Calabria

Corsi e ricorsi storici. E’ sempre il Nord al top nel campo dell’occupazione. Se l’eden dei lavoratori è Bolzano, dove gli impiegati guadagnano mediamente 1476 euro al mese, non va male neanche a Varese, Monza, Bologna, Como e Lodi. Insomma, chi vuole trovare un lavoro retribuito in modo dignitoso dovrebbe trasferirsi al Nord. Nella classifica delle province con le retribuzioni medie più alte d’Italia per trovare una città del Meridione bisogna scendere alla 55esima posizione, occupata dall’Aquila (stipendio medio di 1282 euro al mese). La città dove si registra un numero maggiore di disoccupati è Reggio Calabria (solo 37 persone su 100 lavorano). Roma si colloca al 57esimo posto della classifica: male per una Capitale.

Bologna: boom di lavoratrici

Bologna è il capoluogo italiano con il maggior numero di donne occupate: il 66,5% delle donne residenti nella ‘città dotta’ lavora. Il ‘gentil sesso’, invece, è fortemente penalizzato al Sud, in città come Napoli, Foggia e Agrigento. Dal report presentato dall’Osservatorio emerge un forte gap tra Nord e Sud sul versante del mercato del lavoro. Nel Meridione non ci sono solamente molti disoccupati ma anche gli inattivi, ovvero quelle persone che non lavorano e non cercano un impiego perché sanno che non lo troveranno mai. A Bolzano, dunque, è tutto diverso. Il rapporto dell’Osservatorio mette in evidenza un basso tasso di disoccupazione in tale città.

Non è la prima volta che un dossier sottolinea che Bolzano è un vero paradiso per chi cerca un impiego. Un paio di anni fa, ad esempio, la Stampa aveva pubblicato una tabella in cui veniva comparato il tasso di disoccupazione italiano con quello delle altre nazioni dell’Ue. Ebbene, molti rimasero stupiti dal fatto che il tasso di disoccupazione a Bolzano era più basso di Germania, Austria, Malta, Lussemburgo ed altri quattro Stati reputati irreprensibili. Una cosa è certa: l’Italia continua ad essere una delle nazioni dell’Ue con il più alto tasso di disoccupati. A preoccupare non sono solamente coloro che non hanno un impiego ma anche gli inattivi. Speriamo bene.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.