Cerchi un chirurgo plastico su Instagram? Attenzione

By | 31 agosto 2017

Chirurgia estetica: ecco perché bisogna fare attenzione a InstagramLa salute in primis, sempre e comunque. Ecco perché bisogna fare attenzione alle insidie, che sul web sono tante. Chi vuole sottoporsi a un intervento di chirurgia estetica e, quindi, si mette alla ricerca di un chirurgo estetico, non dovrebbe rivolgersi ad Instagram, il noto social fotografico. Il motivo è semplice: il social è pieno di incompetenti. Lo rivela uno studio americano, secondo cui 4 presunti chirurghi estetici su  5 che si promuovono su Instagram non sono iscritti nell’American Society fo Aesthetic Plastic Surgery, la maggiore organizzazione di professionisti nel campo della chirurgia estetica. Chi cerca un chirurgo estetico su Instagram, dunque, potrebbe ritrovarsi davanti a un parrucchiere, un barbiere o comunque un soggetto che effettua ‘ritocchini’ a tempo perso. Ne deriva che i rischi per la salute sono elevati. La ricerca sottolinea che circa il 26% degli annunci postati su Instagram riguardo alla chirurgia estetica proviene da soggetti estranei a tale mondo, come dermatologi, ginecologi, medici generali, medici di famiglia e otorinolaringoiatri.

Tanti rischi e pochi professionisti della chirurgia estetica

Attenzione a Instagram se si cerca un chirurgo estetico. Molti soggetti, specialmente negli Usa, si pubblicizzano come ‘chirurghi estetici’ ma in realtà non lo sono. A mettere in guardia sui sedicenti professionisti della chirurgia estetica su Instagram è stato anche il dottor Clark Schierle, direttore della chirurgia estetica presso la Northwestern Medicine, a Chicago. Lo specialista ha ricordato che sottoporsi ai trattamenti effettuati da un soggetto poco competente, che usa arnesi tipici della chirurgia estetica, può rivelarsi molto pericoloso.

‘Un medico georgiano specializzato in medicina di emergenza è stato condannato per due omicidi l’anno scorso, dopo la morte di due pazienti sottoposti a  interventi di liposuzione nella sua clinica’, ha detto il dottor Schierle.

Una 31enne americana è morta recentemente a New York per iniezioni volte a migliorare l’aspetto delle sue natiche. Il trattamento era avvenuto in un edificio residenziale della Grande Mela. Il presidente della Società americana per la chirurgia plastica ed estetica, Clyde Ishii, ha affermato che la chirurgia estetica va decisamente regolamentata e la gente deve capire che gli interventi estetici rientrano nella chirurgia, quindi si possono registrare complicazioni rilevanti.

‘Ritocchini’ eseguiti per arrotondare

Il dottor Schierle e i suoi colleghi hanno recentemente esaminato molti hashtag relativi alla chirurgia estetica, come #facelift, #cosmeticsurgery e #rhinoplasty.

Il problema più grande nel campo della chirurgia plastica, per Schierle, è che qualunque persona che ha una licenza medica può effettuare anche trattamenti estetici. Solitamente, i medici che non sono chirurghi estetici effettuano ‘ritocchini’ per fare soldi extra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.