Fabio Fazio guadagnerà duecentomila euro al mese in Rai, l’ira di Fico

By | 24 giugno 2017

Fabio Fazio resta in Rai con compenso altissimo, Fico furiosoFabio Fazio, alla fine, ha deciso di restare in Rai. Ciò che sta facendo discutere, nelle ultime ore, è il suo compenso, pari a due milioni e duecentomila euro l’anno, circa duecentomila euro al mese. Una somma esorbitante che contrasta con il tetto ai compensi Rai, pari a duecentoquarantamila euro, stabilito dal Parlamento italiano. Tempo fa, Fazio aveva fatto intuire di voler lasciare la tv pubblica ma, a quanto pare, qualcosa (i soldi?) lo hanno fatto tornare sui suoi passi. A quanto pare, non è un peso per la Rai, che lo corteggia con un favoloso cachet, da far invidia ai crooner d’oltreoceano.

Un comunista col portafogli a destra?

Il compenso faraonico riconosciuto a Fazio fa indignare, e non poco, Roberto Fico, presidente della Commissione di Vigilanza Rai: ‘Quando era stato preventivato di toccare lo stipendio a Fazio, classico comunista col cuore a sinistra e portafogli a destra, voleva scappare in un’altra tv. Ora che è arrivato il suo compare Orfeo e gli aumentano lo stipendio, non vuole più scappare dalla Rai’. Dello stesso avviso anche Gianni Sammarco (Alternativa Popolare): ‘Il Parlamento fissa il tetto dei compensi Rai a duecentoquarantamila euro e il Cda del servizio pubblico ignora la normativa approvando un compenso da 2,2 milioni di euro l’anno, per quattro anni, a Fabio Fazio. Stesso compenso del passato ma con molte ore di trasmissione in meno e con, in più, una promozione del suo programma che passerà su Rai 1’. Fabio Fazio ci ha ripensato, dunque, non lascerà ‘Mamma Rai’, come aveva fatto intuire tempo fa. Il conduttore ligure aveva detto che non avrebbe certamente continuato con la tv pubblica se fosse stato ritenuto un fardello. Per Fico e Sammarco Fazio è solo un classico ‘comunista al sole’, ovvero un ‘gauchiste’ con il conto in banca a destra. Certo, la storia del compenso principesco ha suscitato non poco clamore.

La tv pubblica non voleva perdere un altro pezzo importante

loading...

La Rai, probabilmente, non voleva perdere un pezzo importante. L’ennesimo. Tempo fa, infatti, aveva lasciato anche Diego Bianchi, grande conduttore di ‘Gazebo’.  Della vicenda si è interessato nelle ultime ore anche Il Fatto Quotidiano  che ha definito l’aumento del cachet di Fazio come ‘la scialuppa di salvataggio di un’azienda ormai irrimediabilmente a picco, dove ormai non c’è quasi nulla da guardare’. Effettivamente, la qualità della tv pubblica non è equiparabile a quella di tanti anni fa. La concorrenza, poi, è spietata. Quella delle reti Mediaset in primis. Il Fatto ha scritto che la Rai non lancia programmi nuovi e allettanti ma cerca di offrire lauti compensi a personaggi importanti. Non sono, però, solo le celebrità a fare grandi le emittenti televisive. I telespettatori gradiscono le novità, le cose ‘stuzzicanti’ e mai viste; non tanto i soliti Giletti e Parodi.

Qual è stata la replica della Rai alle critiche sul cachet che percepirà Fazio nei prossimi quattro anni? Eccola: ‘Fazio (e gli altri) portano introiti pubblicitari più di quanto guadagnino’. Introiti pubblicitari? Ma la Rai non è una tv pubblica che ‘impone’ un canone ai cittadini? Mah… Forse è meglio fare chiarezza su questa vicenda. E’ inammissibile che in uno Stato in cui regna la disoccupazione, e dove moltissime famiglie si trovano sulla soglia della povertà, certi conduttori della tv pubblica continuino a percepire compensi stratosferici. Cachet che un normale giornalista non percepisce neanche nei sogni. E’ ora che la Rai diventi un vero servizio pubblico e, quindi, allontani presentatori e giornalisti pagati oro. Inoltre le reti della tv pubblica non dovrebbero essere numerose ma una sola. Ci vuole una sola redazione, un solo corrispondente per nazione etc. Solo così si risparmierebbe molto denaro. Intanto Fazio pensa alle prossime vacanze estive, connotate sicuramente da molto divertimento e relax. Del resto, come si fa ad essere crucciati con uno stipendio del genere? Secondo voi la Rai deve cambiare rotta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *