Animali

Fiera dei gatti: impazza Reggio Emilia

Secondo alcuni dati gli italiani hanno in totale circa 60 milioni di animali domestici, di cui 7 sono gatti. La passione felina insomma coinvolge non poche persone, persone che amano prendersi cura di loro, coccolarli accudirli e in un certo verso anche viziarli.

Sulla scia di questo amore sviscerato per i gatti, non possono mancare anno dopo anno manifestazioni ed eventi che mettano in risalto la loro bellezza. Non a caso lo scorso weekend (15-16 settembre 2018) si è tenuta a Reggio Emilia la fiera dei gatti, dove sono stari presentati centinaia di esemplari, dall’aspetto straordinario e candidati alla Mostra Internazionale Felina.

Una mostra che ha visto sfilare le razze più particolari al mondo, in un incontro scontro fatto di competizione, cultura, curiosità, e anche di “angolo solidarietà “. Insomma una fiera per tutti i gusti.. Felini.

Fiera dei Gatti chi sono stati i protagonisti

Chi sono stati i protagonisti della fiera? Gatti di ogni specie e dal grande fascino. Non poteva infatti mancare la razza del Bengal che si distingue per il manto maculato e che viene fuori dall’incrocio tra il Felis e il Bengalensis (piccolo leopardo asiatico) e i gatti europei. Del Félis hanno il mantello affascinante, dal secondo hanno ereditato il carattere dolce. Spazio poi ad una razza peculiare quale il Maine Coon, che si distingue per le dimensione elevate e per il peso. Proveniente dallo stato americano del Maine, non mancano infatti allevamenti sorti appositamente per questa razza, come Soulwild allevamento di maine coon.

C’erano poi i Singapura caratteristici per le dimensioni piccole (tanto che sembrano cuccioli piuttosto che adulti) ma anche gli Sphinix alias i gatti senza pelo ma dalla dolcezza peculiare. E ancora i Devono Rex provenienti dall’Inghilterra del Sud, precisamente dalle miniere e poi ancora Siamesi, Soriani, Persiani e tante altre razze come i Blu di Russia e i Certosini.

Spazio alla solidarietà alla fiera dei Gatti

Nel vivo della fiera non sono mancati i riferimenti solidali alla categoria felina. Questo anche grazie alla partecipazione attiva dell’OIPA, alias l’organizzazione internazionale protezione animali, che tiene sempre bene gli occhi aperti sui gatti meno fortunati di questi esemplari che hanno sfilato (ovverosia sui gatti randagi).

Un po’di attenzione è stata posta anche su stand dimostrativi che hanno messo in risalto i prodotti alimentari, grazie alla presenza di molte aziende leader del mercato. Oltre anche allo sfoggio di oggetti vari che comunque sono legati al mondo felino: occasione quindi per dedicarsi allo shopping.

Chi ha giudicato i felini durante la Fiera

Gli esemplari felini sono stati giudicati da esperti del settore originari di altri paesi, come Francia, Bulgaria, Russia, Repubblica Ceca, Israele e Croazia. Per ogni giorni sono stati dati dei punteggi (durante il concorso) ai gatti, che poi sono stati suddivisi sulla base di due differenti giudizi e due Best in Show.

Le passerelle sono state calcate da razze ed esemplari dall’aspetto unico, presentati in maniera eccelsa dagli esperti, i quali hanno saputo descrivere nel dettaglio le caratteristiche delle razze, della loro storia e qualche curiosità a riguardo. E ovviamente non poteva mancare come mascotte il famosissimo Gatto Silvestro.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.