Funghi ‘magici’ contro la depressione, ‘reboot’ del cervello

By | 15 ottobre 2017

Funghi allucinogeni contrastano la depressione: lo studioNel tunnel della depressione finiscono, ogni anno, molte persone. Giovani e anziani. Lo stato depressivo è stato oggetto di innumerevoli studi ma finora nessuno ha fornito un rimedio universale, una cura valida per tutti. Forse un’arma infallibile contro il ‘mal di vivere’ è rappresentata dai funghi ‘magici’, ovvero quelli allucinogeni. Un team di ricercatori ha affermato che una sostanza psichedelica contenuta nei funghi magici può seriamente allontanare la depressione, favorendo il ‘reboot’ (ossia il ‘riavvio’) del cervello. A 19 pazienti depressi è stato somministrato il farmaco psilocibina. Circa il 50% di essi ha detto di aver notato miglioramenti, sottolineando che il trattamento ha contribuito a ‘riavviare’ o ‘resettare’ il cervello. Funghi ‘magici’, dunque, per un ‘reboot’ del cervello e mettere ko la depressione. Il coordinatore dello studio, Robin Carhart-Harris, esperto presso l’Imperial College di Londra, ha affermato: “Per la prima volta abbiamo mostrato evidenti cambiamenti nell’attività cerebrale dei soggetti depressi trattati con psilocibina, dopo non aver risposto ai consueti trattamenti. Molti nostri pazienti hanno detto che il loro cervello era diverso dopo il trattamento, quasi ‘resettato’, usando la terminologia informatica. Uno, addirittura, ha rivelato che sembrava che il suo cervello fosse ‘deframmentato’ come un disco rigido del pc…”. 

Come la terapia elettroconvulsiva

Mai finora nessuno aveva fatto una scoperta del genere nel campo della lotta contro la depressione. I funghi ‘magici’ potrebbero essere dunque lo strumento per fare uscire molte persone dal tunnel della depressione.

Effetti simili a quelli ottenuti dopo la somministrazione della psilocibina erano stati riscontrati, in passato, con la terapia elettroconvulsiva.

David Nutt, direttore dell’unità neuropsicopatologica dell’Imperial ha reso noto che i primi risultati sono ‘eccitanti’. Sembra che la sostanza contenuta nei funghi allucinogeni favorisca una maggiore stabilità delle reti cerebrali connesse agli stati depressivi.

Gli effetti dei funghi allucinogeni

loading...

Ovviamente, in futuro dovranno essere svolti altri studi per confermare gli effetti positivi su un numero maggiore di volontari. Lo ha ribadito anche il dottor Nutt, che comunque riconosce l’importanza di questo studio, i cui risultati rappresentano un importante punto di partenza per svolgere altre ricerche, in futuro, sui metodi per contrastare la depressione.

Gli effetti positivi della psilocibina, sostanza contenuta nei funghi ‘magici’ erano stati accertati l’anno scorso da un gruppo di studiosi americani. La sostanza era stata somministrata a diversi pazienti oncologici che, dopo un po’, si erano sentiti meglio. Molti avevano detto che, grazie alla psilocibina, era notevolmente migliorata la qualità della loro vita.

Gli effetti dei funghi ‘magici’ sono oggetto di interesse, nel mondo della psichiatria, sin dagli anni ’50.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *