Animali

I cani non sono così intelligenti come si pensa: lo rivela una ricerca

Il migliore amico dell’uomo potrebbe non essere così intelligente come pensiamo. E’ il risultato di una ricerca scientifica, realizzata dall’Università di Exeter e dalla Canterbury Christ Church University. La ricerca ha rivelato che l’essere umano tende a sovrastimare le abilità dell’animale domestico per eccellenza, spesso considerandolo più intelligente di quanto sia effettivamente. L’intelligenza del cane, secondo la ricerca, è pari a quella di piccioni e cavalli.

Lo studio su 300 articoli sull’intelligenza dei cani

Una ricerca realizzata dall’Università di Exeter e dalla Canterbury Christ Church University ha mostrato un qualcosa che certamente non si poteva prevedere: i cani non sono così intelligenti come si pensa. I padroni tendono a sovrastimare il livello di intelligenza del proprio animale domestico, contro una realtà che li vede – invece – intelligenti così come tutti gli altri animali.

La ricerca è avvenuta prendendo in esame più di 300 articoli relativi all’intelligenza dei cani e altri animali. Le anomalie riscontrate hanno portato all’interpretazione delle Università, che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista Learning & Behavior. 

Il risultato della ricerca dell’Università di Exeter

«Durante il nostro lavoro ci è sembrato che molti studi di ricerca sulla cognizione dei cani mirassero a dimostrare quanto sono intelligenti questi animali». ha dichiarato Stephen Lea, autore principale della ricerca.

La ricerca ha dimostrato che il livello di intelligenza dei cani non è per nulla superiore a quello di altri animali, come gatti, piccioni, cavalli, lupi, orsi o delfini. Per questo motivo l’essere umano tende a sovrastimare le capacità cognitive e intellettive del proprio animale domestico, non trattandolo come dovrebbe. «Considerando tre gruppi presi in esame (animali domestici, cacciatori e carnivori) la cognizione del cane non sembra eccezionale. Non stiamo facendo un favore ai nostri amici a quattro zampe aspettandoci troppo i cani sono cani, e dobbiamo tenere conto dei loro bisogni e capacità quando consideriamo come li trattiamo» ha, in tal proposito, affermato l’altra autrice della ricerca, Britta Osthaus. 

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.