Curiosità

Malattie reumatiche favorite dall’alimentazione scorretta

malattie-reumatiche-dieta-Non è un gioco da ragazzi curare le malattie reumatiche. E’ determinante perciò prevenirle, in primis con l’alimentazione corretta e l’esercizio fisico. Allontana le patologie reumatiche chi, ad esempio, fa esercizio fisico all’aperto e mangia cibi salutari. E’ proprio a tavola che si mettono ko malattie come artrite reumatoide, osteoporosi, e fibromialgia. Sport e alimentazione corretta sono fondamentali per il benessere delle articolazioni. Se è vero che certi alimenti aiutano a prevenire le malattie reumatiche, è anche vero che certi cibi ne favoriscono l’insorgenza. Più sotto indicheremo quali alimenti si dovrebbero bandire per scongiurare i rischi.

Dieta ruolo chiave nella prevenzione delle malattie reumatiche

Laura Bazzichi, dirigente medico dell’Azienda ospedaliero universitaria Pisana I, aveva detto 3 anni fa, riferendosi alla prevenzione delle malattie reumatiche: ‘La dieta gioca un ruolo chiave nella prevenzione di patologie reumatiche, ad esempio una dieta vegetariana dimezza (riduzione del 46%) i sintomi negativi della fibromialgia. Pertanto si consiglia una buona educazione alimentare non solo nelle donne in menopausa e negli anziani, ma soprattutto nei giovani e giovanissimi’.

Largo a frutta e verdura per prevenire le patologie reumatiche e niente alcol per chi è affetto da osteoporosi. I medici raccomandano, inoltre, a chi soffre di artrite reumatoide di non consumare i cibi che vengono serviti ai fast food e quelli con conservanti. I fibromialgici invece non dovrebbero mai usare il dado da cucina.

La frutta secca e i broccoli

L’alimentazione può fare davvero la differenza per contrastare le malattie reumatiche. La frutta secca, ad esempio, scansa la tiroidite autoimmune; i broccoli, viceversa, allontanano il rischio di artrosi. La comunità medica concorda sulla correlazione tra alimentazione e malattie reumatiche. Un piatto ‘nemico’ dell’infiammazione è ad esempio la torta salata con broccoli, verza, noci e cavolo nero  creata dal cuoco Marco Bianchi.

Calcio e vitamina D

Tutte le crucifere, come i broccoli, proteggono la cartilagine delle articolazioni, evitandone lo ‘sgretolamento’ col passar degli anni. La frutta secca, secondo gli esperti, è un vero toccasana contro molte patologie reumatiche. ‘Il calcio serve perché è fondamentale per la produzione della matrice ossea e perché rinforza l’osso. Il latte e i formaggi stagionati, ma anche le acque effervescenti naturali ricche di calcio, possono fornire il minerale di cui si ha bisogno per la salute delle ossa. A questi prodotti è possibile affiancare anche il sesamo, pure nella versione in crema, ovvero il tahin, oltre a frutta secca e brassicacee’, aveva spiegato Marco Bianchi.

Tutti sanno quanto sia importante la vitamina D per le ossa. Il cuoco aveva detto che tale vitamina ‘concorre, con il calcio, alla salute del tessuto osseo. Per il suo assorbimento è importante l’esposizione al sole. La dieta difficilmente riesce ad innalzarne livelli molto bassi e dunque la supplementazione può essere utile. Per la vitamina D non ci sono valori normali’ ma auspicabili: se il suo apporto non è adeguato tutte le malattie croniche peggiorano’.

Digiuno può avere un’efficacia protettiva

Quale alimentazione seguire, dunque, per ridurre il rischio di malattie reumatiche? Secondo il professor Selmi ‘è indicata una dieta bilanciata, con un buon apporto di frutta e verdura di stagione. Anche il digiuno può avere un effetto protettivo, ad esempio nella gotta, altra malattia infiammatoria, sempre se utilizzato con buon senso e sotto adeguato controllo medico… In ogni caso ci riferiamo sempre a studi condotti o su pochi pazienti o su modelli sperimentali, pertanto bisogna considerare questi consigli come dei suggerimenti, delle indicazioni sullo stile di vita’.

I cibi amici delle malattie reumatiche sono quelli pieni di radicali liberi come le fritture. Da tenere d’occhio anche il caffè, il latte, le uova e i latticini. Favoriscono indubbiamente tali malattie anche il sovrappeso e l’obesità. Si stima che in futuro si ammaleranno di patologie reumatiche 10 milioni di persone, ovvero il 3% degli adulti. Le donne rischiano di più.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.