Internet

Microsoft acquista LinkedIn per 26,2 miliardi di dollari: Twitter farà la stessa fine?

LinkedIn, celebre social che permette di mettere in contatto milioni di professionisti, nel mondo, passa nelle mani di Microsoft. Pare che il colosso di Redmond abbia deciso di sborsare 196 dollari per ogni azione. In totale, Microsoft pagherà ben 26,2 miliardi di dollari per portarsi a casa LinkedIn. Il social dei professionisti entrerà ufficialmente a far parte del mondo Microsoft entro la metà del prossimo anno. Il ‘gigante’ creato da Bill Gates e il CEO di LinkedIn,  Jeff Weiner, hanno dichiarato:

“LinkedIn manterrà il proprio brand distintivo, cultura e indipendenza”.

Non è un buon periodo, dal punto di vista economico, per LinkedIn, nonostante vanti oltre 400 milioni di utenti. Il social ha chiuso il 2015 con perdite per 8,4 milioni di dollari; l’anno prima, invece, era stato chiuso con un attivo di 2,9 milioni di dollari. Il CEO Microsoft Satya Nadella ha affermato che l’acquisizione contribuirà al miglioramento di entrambe le aziende. L’ad LinkedIn, invece, ha aggiunto:

“Proprio come abbiamo cambiato il modo in cui il mondo si connette alle opportunità di lavoro, l’unione con Microsoft e la combinazione del loro cloud con il network di LinkedIn ci dà la possibilità di cambiare anche il modo in cui il mondo lavora”.

L’annuncio del matrimonio tra i due colossi è stato fatto proprio oggi, lunedì 13 giugno 2016. Si tratta del maggiore acquisto per Microsoft, che effettivamente non ha mai sborsato una cifra simile. La notizia ha fatto salire notevolmente, a Wall Street, il prezzo delle azioni di LinkedIn; quelle di Microsoft, invece, hanno subito una flessione. Il social dei professionisti è stato fondato nel 2002 ma è approdato a Wall Street nel 2011. Il CEO di LinkedIn, Jeff Weiner, manterrà il suo ruolo anche se, prima di prendere qualsiasi decisione, dovrà consultare il CEO Microsoft Sadella. Quest’ultimo ha assicurato che la partnership tra LinkedIn e Microsoft servirà a rafforzare entrambe le aziende: la prima potrà migliorare il suo noto social, la seconda invece svilupperà prodotti come Microsoft Office 365 e Dynamics.

https://youtu.be/-89PWn0QaaY

Reid Hoffman, co-fondatore e azionista di controllo del social per professionisti, ha detto che l’accordo rappresenta una sorta di ‘rifondazione’ per LinkedIn. L’accordo, che è già stato approvato dai consigli d’amministrazione delle due società, dovrebbe essere completato alla fine di quest’anno. Augustin Eden, analista presso Accendo Markets, ha dichiarato che le azioni di Microsoft sono state comprensibilmente sospese dalle negoziazioni dopo l’annuncio dell’acquisto di LinkedIn. Tutto ciò è normale. Capita spesso, infatti, che un acquisto comporti un esodo dal ‘predatore’.

Sembra proprio che anche Twitter, prima o poi, faccia la stessa fine di LinkedIn, visto che il suo andamento in Borsa non è stato decisamente esaltante negli ultimi tempi. Gli analisti di SunTrust Robinson Humphrey hanno detto a riguardo la scorsa settimana:

“Vogliamo sottolineare che non pensiamo che la società (Twitter) venga venduta nel breve termine ma riteniamo che, se le tendenze attuali persistono, il social dei cinguettii sarà un candidato top nel 2017“.

Jack Dorsey, come il predecessore Dick Costolo, non è riuscito ancora a risollevare le sorti di Twitter che, pian piano, viene soffocato dai concorrenti, Facebook e Snapchat in primis. Riuscirà il social dell’uccellino blu a risorgere, oppure finirà ‘in pasto’ a qualche big della Silicon Valley come Microsoft?

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.