Pancia gonfia potrebbe essere sintomo del tumore dell’ovaio

By | 2 marzo 2018

pancia-gonfia-sintomo-tumore-ovaioPoche donne vanno dal medico quando notano un certo rigonfiamento della pancia. In genere si affidano al fai da te, mangiano meno e fanno esercizio fisico. Molte donne mangiano, inoltre, yogurt; altre addirittura prodotti senza glutine. Eppure, nonostante tali sforzi, il ventre non si sgonfia mai. Perché? Da un recente sondaggio condotto in Inghilterra è emerso che solo un terzo delle donne intervistate si recherebbe dal proprio medico di fiducia se notasse una certa estensione della pancia.

Tumore dell’ovaio: la sesta neoplasia più frequente tra le donne

Il numero delle donne che si recano dal medico quando notano un insolito gonfiore della pancia sarebbe maggiore se tutte sapessero che tale disturbo potrebbe essere il sintomo di un tumore dell’ovaio, ovvero la sesta neoplasia più frequente tra le donne.

Non è semplice curare il tumore dell’ovaio poiché l’80% delle diagnosi avviene in uno stadio avanzato, quando ormai è quasi impossibile guarire. L’anno scorso, in Italia, sono stati diagnosticati 5.200 nuovi casi di tumore dell’ovaio. Le più colpite sono state le donne in menopausa. La terribile neoplasia ha causato la morte di circa 3mila italiane. A un lustro dalla diagnosi non sopravvive neanche il 40% delle pazienti. Ciò è molto preoccupante.

6 italiane su 10 non lo conoscono

‘Secondo le nostre statistiche più recenti, circa 6 italiane su 10 non conoscono questo tumore e non sanno riconoscerne i seppur vaghi sintomi. Tanto più che la malattia, nelle fasi iniziali, non dà segnali chiari e quando questi compaiono la malattia ha ormai cominciato a diffondersi agli organi circostanti e le probabilità che le cure abbiano successo sono poche. Le aspettative di vita aumentano però se si riesce ad avere una diagnosi precoce’, ha spiegato Nicoletta Cerana, presidente di Alleanza contro il Tumore Ovarico.

La prevenzione è l’arma principale per contrastare il cancro dell’ovaio. La diagnosi precoce si rivela provvidenziale. Se la neoplasia, invece, viene scoperta tardi è quasi impossibile curarla.

La testimonianza di Andrea Oliver

La 54enne inglese Andrea Oliver ha dichiarato durante la presentazione del sondaggio: ‘Avevo la pancia così voluminosa che sembravo una gestante all’ottavo mese di gravidanza, ma pensavo di essere stressata. Poi ho iniziato ad avere bruciori urinari e un’eccessiva necessità di fare pipì e, credendo di avere la cistite, bevevo molto e prendevo medicinali da banco. Poi sono arrivati i dolori addominali, ma credevo tutto facesse parte di un periodo particolarmente ansioso, durante il quale mangiavo anche troppo. È stato il mio curante, durante una visita fatta per altri motivi, a ipotizzare potessero essere indizi di un carcinoma ovarico’.

In base a recenti indagini, è stato scoperto che gran parte delle donne si comporterebbe come Andrea se ravvisasse un aumento del volume del proprio ventre: mangerebbe cibi sani, assumerebbe probiotici e farebbe più esercizio fisico. Solo un terzo delle intervistate si farebbe visitare dal medico.

I sintomi

Il tumore dell’ovaio non è alquanto comune, ma uccide più di altre neoplasie riproduttive femminili. Le speranze di guarire sono maggiori se la diagnosi è precoce. Spesso però la patologia viene diagnosticata tardivamente perché non ci sono sintomi oppure le avvisaglie sono così minime da venir trascurate. Ecco alcuni sintomi del tumore dell’ovaio:

  • dolore addominale
  • irregolarità mestruali
  • dolore alla schiena
  • nausea
  • inappetenza
  • vomito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.