Curiosità

Partorisce a 56 anni: gravidanza senza fecondazione artificiale

Madre 56 anni parto fecondazione artificialeUn vero miracolo quello avvenuto a Treviso. Una signora di 56 anni ha partorito una bimba. E’ sconcertante il fatto che la donna non si sia sottoposta alla fecondazione artificiale. La gravidanza dunque è arrivata naturalmente. La 56enne vive a Casale sul Sile, in provincia di Treviso ed è già madre di due ragazze trentenni. Secondo i tabloid locali, la piccola è venuta alla luce all’ospedale all’Angelo di Mestre lo scorso dicembre. Pesava oltre 3 kg. Il padre della neonata è l’attuale compagno della signora, un sudamericano che ha 17 anni in meno della puerpera.

Un caso raro

Resta incinta a 56 anni senza fecondazione assistita e partorire. La neo mamma che risiede a Casale sul Sile è felicissima adesso. Gli esperti dicono che è un caso estremamente raro.

La signora ha confessato che alla sua età si aspettava di diventare nonna e non credeva minimamente che quei ritardi fossero le avvisaglie di una nuova gravidanza. Per lei erano solo sintomi della menopausa. Pensava male. I ritardi erano segnali si una gestazione inattesa.

Gestazione a 50 anni: quali rischi?

Raramente le donne restano incinte a 50 anni o più. Una cinquantenne, del resto, si aspetta generalmente di diventare nonna, non certo madre.

Le cinquantenni dovrebbero preoccuparsi quando consumano rapporti ‘intimi’ coi partner o no? C’è effettivamente il rischio, a tale età, di restare incinta?

L’esperto Andrea Borini, coordinatore clinico e scientifico di Tecnobios procreazione e presidente SIFES, ha spiegato che ‘le probabilità di concepire a 50 anni sono estremamente basse, anche cercando intenzionalmente un bebè. Può succedere, ma si tratta di casi aneddotici. Con l’età, il patrimonio ovocitario si riduce sempre più e gli ovociti prodotti diventano di bassa qualità: anche se fecondati difficilmente riescono a svilupparsi e a dare seguito alla gravidanza. A mio giudizio, quindi, ci si può rilassare evitando la contraccezione. Un’opzione, altrimenti, consiste nel calcolare l’ovulazione ed evitare di avere rapporti nei giorni fertili’.

Per evitare ogni rischio di gravidanza indesiderata, le cinquantenni potranno usare la spirale, ovvero un piccolo apparecchio che viene inserito nelle parti intime delle donne dal ginecologo. La spirale si sostituisce di solito ogni 3-5 anni.

La spirale dovrebbe essere evitata, secondo Borini, dalle donne che soffrono di infezioni vaginali.

La pillola a 50 anni

E la pillola? Ha un senso assumerla a 50 anni?

‘Quanto alla pillola ha poco senso. Di solito, in questa fase della vita aumentano le problematiche vascolari e questo contraccettivo è controindicato per chi soffre di patologie tromboemboliche’, sottolinea lo specialista.

E’ possibile, a 50 anni, sapere se si è ancora fertili quando la menopausa non si è ancora presentata? E’ impossibile, ma a 50 anni è veramente raro che una donna resti incinta e riesca ad avere un bebè. L’esperto Borini, quindi, non ritiene necessaria la contraccezione quando si superano i 50 anni.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.