Renzi preme per approvazione Italicum, poi elezione Capo dello Stato

By | 17 dicembre 2014

Il premier Renzi vuole che l’Italicum 2.0 sia approvato dal Parlamento prima della nomina del nuovo Capo dello Stato.

Le dimissioni di Giorgio Napolitano sono nell’aria e i pronostici relativi al suo successore sono iniziati già da tempo. Chi succederà a Napolitano? Difficile saperlo: la scelta di un presidente della Repubblica deve essere sempre condivisa da maggioranza e opposizione.

Forza Italia non condivide l’opinione di Renzi e vorrebbe che l’elezione del nuovo Capo di Stato avvenisse prima dell’approvazione della nuova legge elettorale. Arturo Scotto (Sel) ha scritto su Twitter: “L’agenda temporale delle Riforme costituzionali non la detta Governo, ma il Parlamento con le sue prerogative. Renzi non decide da solo #Sel”.

Durante l’assemblea del gruppo Pd a Palazzo Madama, il senatore Francesco Russo ha delineato il nuovo volto dell’Italicum 2.0 targato Renzi.

Luigi Zanda, capogruppo dem al Senato, ha invece rammentato che sulla legge elettorale “esistono posizioni diverse ma serve l’impegno di tutti i senatori nel confrontarsi e nel trovare una sintesi comune. Il gruppo avrà modo di dibattere approfonditamente sugli appuntamenti parlamentari che ci aspettano, come sta facendo sulla legge elettorale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.