Istruzione

10 libri per ragazzi per imparare l’inglese

Chi ha detto che non si impara l’inglese divertendosi, ma solo stando chini sui libri di grammatica senza la minima distrazione? Gli approcci multidisciplinari più recenti dimostrano esattamente il contrario. Le lingue straniere sono un oggetto di studio particolare, che spesso ha a che fare con la nostra sfera emotiva e relazionale. Stabilire un rapporto di empatia con esse è – a detta di molti esperti di psicologia cognitiva – un prerequisito pressoché fondamentale per intraprendere un percorso di apprendimento sano, soddisfacente e non viziato da frustrazioni. Per questo l’aspetto ludico-ricreativo non deve mai mancare nelle lezioni di inglese o di qualsiasi altra lingua che non sia la nostra.

 

Pur non essendo un’attività prettamente ludica, la lettura ha un elemento ricreativo molto spiccato, capace di coniugare accrescimento delle proprie conoscenze individuali e divertimento. In particolare i libri per l’infanzia svolgono questo compito in maniera eccellente, a beneficio non solo dei lettori più giovani ma anche di coloro che affrontano lo studio dell’inglese per la prima volta in età adulta, e pertanto hanno bisogno, almeno inizialmente, di letture dalla struttura linguistica e sintattica non troppo elaborata.

Per chi è interessato a tentare questo tipo di percorso parallelo di apprendimento, ma non sa da che parte cominciare, ecco di seguito 10 titoli che non possono mancare nella biblioteca del giovane – ma anche del meno giovane – English learner.

1. Margaret Wise Brown, Goodnight Moon

Libro per allievi in età prescolare, l’ideale per un primo approccio all’inglese. Più che una storia vera e propria, la descrizione minuziosa di un quieto focolare domestico. Il vocabolario elementare e la ripetitività delle frasi lo rendono fruibile anche da chi è alle primissime armi.

2. Eric Carle, The Very Hungry Caterpillar

La parabola di un giovane bruco perennemente affamato che si lascia tentare dal junk food più triviale prima di tornare a nutrirsi in maniera appropriata per poi, finalmente, trasformarsi in farfalla. Al di là del per nulla celato messaggio pro-vegan, un libro divertente e ricco di informazioni, con un sacco di parole utili da memorizzare (in particolare quelle legate alle tipologie di cibo affrontate dal bruco).

3. Laura Numeroff, If You Give a Moose a Muffin

La particolarità di questo libretto è l’uso intensivo del future tense, cui l’autrice ricorre in maniera sistematica per raccontare la parabola di un giovane alce che vuole sempre di più e non si accontenta mai. Anche l’utilizzo del complemento di termine senza preposizione è un elemento di interesse e di studio non secondario.

4. H.A. Rey e Margret Rey, Curious George

La scimmietta George, con la sua innata simpatia e la sua inguaribile curiosità – aspetto caratteriale, quest’ultimo, che rischia sempre di cacciarlo nei guai –, è uno dei personaggi della letteratura per ragazzi più apprezzati nel mondo anglosassone, che ancora oggi vanta stuoli di ammiratori. La celebrità e la longevità delle storie che vedono protagonista George sono dovute alla cura per il linguaggio, sempre sospeso tra chiarezza espositiva e ricerca di nuove soluzioni stilistiche. Le quali non mancheranno di illustrare al lettore alle prime armi con l’inglese le molteplici e multiformi possibilità di questa lingua.

5. Shel Silverstein, The Giving Tree

Una parabola persino dolorosa sul tempo e sul valore dei sentimenti, che racconta dell’amicizia tra un ragazzo e un albero (curiosamente rappresentato come di sesso femminile). Il linguaggio semplice e immediato, in questo caso, serve anche a descrivere la purezza di un reciproco sentimento di affetto che attraversa un’intera vita, come dimostra il triste finale.

6. Don Freeman, Corduroy

I giocattoli antropomorfizzati e dotati di sentimenti umani sono una delle chiavi narrative più utilizzati nell’ambito della letteratura per l’infanzia. In questo caso, il protagonista è un orsacchiotto che indossa una tuta da lavoro in velluto a coste (da qui il titolo del libro). Si tratta di una lettura di grado leggermente più avanzato, che sicuramente stimolerà il lettore alle prime armi a consultare con frequenza il vocabolario.

7. Maurice Sendak, Where the Wild Things Are

Un racconto a suo modo visionario, già oggetto di una non meno fantasiosa trasposizione cinematografica. Mescolando abilmente racconto di formazione, fiaba e tratti persino horror, l’autore ha realizzato uno dei libri per ragazzi più famosi dei paesi di lingua inglese. Anche in questo caso, una terminologia leggermente più elaborata comporterà un ricorso sistematico al vocabolario.

inglese

8. Munro Leaf, The Story of Ferdinand

La storia del toro Ferdinand, che preferisce annusare le margherite piuttosto che battersi con gli altri tori, è divenuta un classico per bambini, non solo nei paesi di lingua inglese (ad esempio, in Messico è popolarissima). Al di là di questo, il libro introduce il lettore a una tipologia di narrativa più matura e compiuta dal punto di vista della costruzione linguistica, e in questo senso più vicina alla letteratura per adulti.

9. Dr. Seuss, Green Eggs and Ham

I libri del Dr. Seuss – pseudonimo dello scrittore e fumettista americano Theodor Seuss Geisel – costituiscono una sorta di mondo a parte nell’ambito della letteratura per ragazzi, non solo anglosassone. Essi combinano in maniera mirabile artifici retorici tipici della letteratura per ragazzi, come la ricerca della rima baciata, e un sapiente utilizzo dei vocaboli e delle frasi in funzione allegorica. Come hanno sostenuto molti critici, avvicinarsi alla letteratura di Dr. Seuss equivale a scoprire le potenzialità più sconosciute e nascoste del linguaggio, a dispetto della relativa esiguità della trama, o forse proprio in virtù di quest’ultima. Nella fattispecie, tutto ruota attorno alla passione gastronomica di un gatto nei confronti delle uova verdi e del prosciutto menzionati nel titolo, e alla contemporanea ritrosia di un suo amico nel condividere la medesima predilezione per tali alimenti.

10. Dr. Seuss, The Cat in the Hat

Una struttura decisamente più complessa ed elaborata rispetto a quella del succitato Green Eggs and Ham, per quello che è forse il libro internazionalmente più noto di Dr. Seuss (assieme a How the Grinch Stole Christmas!). La storia di due fratellini che devono ripristinare l’ordine in casa dopo il raid compiuto da un gatto dispettoso, coniuga sapientemente divertimento e suspense, ma è soprattutto una vera e propria miniera di calembour verbali. Ideale proprio per apprendere un linguaggio più raffinato e smart, pur nella sua complessiva semplicità.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.