Curiosità

Come dormire meglio? Dare un senso alla propria vita

Ecco come dormire bene: dare un senso alla vitaNel mondo ci sono tante persone che hanno difficoltà a prendere sonno e dormono poco e male. Medici ed esperti hanno tante ‘ricette’ contro l’insonnia che, comunque, non sono efficaci per tutti. In realtà, è semplicissimo combattere l’insonnia ed evitare notti in bianco, basta dare un senso alla propria vita, o meglio avere uno scopo. Lo ha scoperto Jason Ong, un neurologo della Northwestern University di Chicago, che ha chiesto a 800 persone tra i 60 e i 100 anni di rispondere a determinate domande sulla qualità del sonno e sulle loro giornate. Ebbene, tutti coloro che avevano uno scopo nella vita, ovvero qualcosa che li stimolava ogni giorno, dormivano bene e non avevano apnee notturne o altri disturbi.

Non è semplice per molti dare un senso alla vita

Avere uno scopo, un obiettivo, insomma qualcosa che ‘elettrizza’ dalla mattina alla sera sarebbe determinante per migliorare la qualità del sonno notturno ed allontanare i farmaci per cadere tra le braccia di Morfeo. Dare un senso alla vita non è semplice ma chi ci riesce avrà meno problemi, di giorno e di notte. Da quello che, negli ultimi tempi, è stato accertato da Jason Ong  emerge che una vita attiva è l’arma migliore per dormire sonni tranquilli e contrastare tante patologie. Per mantenersi in forma, anche se non si è più giovanissimi, occorre camminare, correre, giocare, ballare andare in bicicletta e svolgere attività similari.

Dormire bene per affrontare la giornata nel modo migliore

Per migliorare la qualità del sonno sarebbe necessario avere uno scopo nella vita, uno scopo che, ovviamente, cambia con l’età. Andare in palestra o a scuola di ballo, ad esempio, possono essere scopi che aiutano a vivere serenamente e contrastare l’insonnia. Senza contare i benefici alla salute che derivano da tali attività, come il calo dei livelli di ipercolesterolemia e della pressione arteriosa e il contrasto di varie patologie, come diabete, osteoporosi e obesità. Dormire male significa sentirsi poco bene durante la giornata, quindi essere poco produttivi sul lavoro e, spesso, scontrosi con amici e parenti. Occorre perciò fare il possibile per migliorare il sonno notturno. Come? Dando un senso alla propria vita. Un conto è coricarsi sapendo che l’indomani non si ha nulla da fare, un conto andare a dormire con uno scopo, che può essere anche la palestra o frequentare un corso di ballo. Avere una vita intensa e piena di scopi sarebbe importante per non avere problemi di notte, per non dimenare continuamente le gambe perché non si riesce a dormire.

Oltre allo scopo che occorre dare alla propria vita, vi sarebbero altri metodi per dormire ottimamente, ovvero stare spesso, durante le ore diurne, sotto il sole ed evitare di passare più di un’ora seduti. Inutile dire, poi, che l’ambiente dove si dorme deve essere confortevole. Basta seguire consuetudini sane per migliorare molto la qualità del sonno. E’ sbagliato, ad esempio, cedere al torpore dopo aver cenato. Non bisogna addormentarsi perché c’è il rischio di svegliarsi al centro della notte e non riuscire più a prendere sonno. Per scongiurare la sonnolenza post cena sarebbe bene, ad esempio, lavare i piatti, parlare con qualche amico al telefono o scegliere gli abiti da indossare in ufficio il giorno dopo.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.