150 Allievi Polizia Penitenziaria accusano malore: perché?

By | 10 gennaio 2018

Cairo Montenotte, allievi Polizia Penitenziaria si sentono maleSono ancora oscuri i motivi per cui 150 allievi della Polizia Penitenziaria sono stati colpiti da gastroenterite. Mistero dunque nella Scuola di Cairo Montenotte. Attualmente le ipotesi più attendibili sul disturbo generalizzato sono due, ovvero l’intossicazione e l’influenza. Gli operatori del 118 erano arrivati nella Scuola di Cairo Montenotte già ieri sera, quando diversi allievi accusavano sintomi come nausea, vomito, brividi e intorpidimento degli arti. Da ieri sera ad oggi il numero dei giovani con disturbi è aumentato.

Presidio medico nella Scuola

In base alle ultime informazioni diffuse dalla Asl, sono 150 gli allievi malati. Solo una decina di essi, però, è stata trasportata in ospedale. Nella Scuola, infatti, è stato allestito una sorta di presidio medico.

Sono arrivati a Cairo Montenotte anche i medici del servizio Igiene dell’Asl per indagare sul curioso caso.

‘E’ stato allestito una sorta di ospedale interno alla Scuola, con 4 medici del 118, il nostro direttore sanitario, dottor Ferraro, il personale della Croce Bianca di Cairo… L’ipotesi più probabile pare sia quello di un focolaio di gastroenterite epidemica virale. Gli allievi, 252, che giungono da tutta Italia e soprattutto dalla Campania, sono arrivati domenica, dopo un lungo viaggio e con una grossa escursione termica. Poi ovviamente qui ci sono molte attività in comune, stanno insieme tutto il giorno e quindi è probabile che un focolaio, preso a Cairo o portato dietro, si sia sviluppato all’interno della struttura. Stiamo fornendo tutte le notizie ai famigliari che stanno prendendo d’assalto i nostri centralini, ma lanciamo un appello per tranquillizzarli e non fare dell’allarmismo. Dall’Asl abbiamo avuto indicazioni di tenere la mensa aperta, altro elemento che potrebbe confermare che non si tratta di intossicazione alimentare o legata all’acqua, servendo, ovviamente, una dieta leggera’, recita una nota della Scuola Allievi della Polizia Penitenziaria.

Non allarmarsi

Il sindaco di Cairo invita la cittadinanza a non cadere preda di facili allarmismi e non credere alle false notizie diffuse in Rete, come quelle che associano il malore degli allievi all’acqua impura in alcune aree del Comune.

‘In questa fase operativa e delicata di verifica, in attesa dei risultati ufficiali dell’Asl e Arpal, non tollereremo notizie false e non confermate fatte circolare, e valuteremo se denunciare gli autori per procurato allarme. Non si tratta di essere bacchettoni o imprudenti, anzi, è proprio perché su certe situazioni, e visto lo sforzo enorme profuso da tutti, Asl, 118, Croce Bianca, Amministrazione comunale, Regione, Arpal, serve la massima serietà e consapevolezza’, ha aggiunto il primo cittadino del Comune in provincia di Savona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *