Amber Heard arrestata nel 2009 per violenze su Tasya Van Ree

By | 12 giugno 2016

Si torna a parlare di Amber Heard, moglie di Johnny Depp, anzi ex moglie visto che i due si sono recentemente separati. Lei, infatti, ha più volte sottolineato di essere stata picchiata da Johnny ma, in fondo, quella a finire in carcere per violenza domestica è stata proprio lei, 7 anni fa. TMZ ha rivelato che la Heard picchiò Tasya Van Ree, all’epoca la sua compagna, e per questo finì in carcere.

Avvocato di Amber non ha rilasciato commenti

Amber è una donna violenta? Beh, possiamo dire solo che aggredì brutalmente la Van Ree: il gesto le costò l’arresto. L’attrice, così come il suo avvocato, non ha rilasciato commenti al riguardo. Johnny Depp, invece, ha dichiarato:

“Quello che so è che è una ragazza manipolatrice come lei, può portare un sacco di guai. Sono convinto che ci sia qualcosa di strano in questa ragazza, ma non saprei dire cosa di preciso”.

Chi è il violento in questa storia?

loading...

Molti sospettano che la storia dell’aggressione alla Van Ree sia stata ‘tirata fuori’ dagli avvocati di Depp per screditare la Heard. Quest’ultima, tempo fa, pubblicò diverse foto ritraenti il suo volto pieno di ferite ed ematomi procurati, secondo lei, dal celebre marito. Depp ha sempre smentito tutto, sostenendo di non aver mai sfiorato Amber. Eppure molti ritengono che l’attore di “Pirati dei Caraibi” diventi molto aggressivo dopo aver bevuto alcol. La separazione tra la Heard e Depp è diventata una sorta di telenovela, ogni giorno viene alla luce un dettaglio relativo a quella che era una delle coppie più invidiate di Hollywood. La Heard dovrà giustificare il suo comportamento ‘bollente’ nei confronti della sua ex, che venne colpita, nel 2009, all’aeroporto di Seattle. L’attrice venne arrestata e il giorno seguente si dovette presentare davanti al giudice che le intimò di non compiere più un gesto del genere nel biennio seguente perché altrimenti il caso sarebbe stato riaperto. Johnny Depp ed Amber Heard campioni di violenza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *