Assange dietro alla vittoria di Donald Trump?

By | 15 febbraio 2018

Usa-WikiLeaks-Assange-ClintonC’è Julian Assange dietro al trionfo di Donald Trump e dei repubblicani, negli Usa? Si vocifera che il fondatore di WikiLeaks abbia raccomandato ai suoi seguaci di fare il possibile per rendere difficile la vita alla Clinton. Tre anni fa, Julian aveva scritto a uno dei suoi più stretti sodali: ‘Hillary ha così tanta melma sulla sua maglietta che ora è difficile far attaccare lo sporco’. A giudicare da come sono andate le cose, sembra che il numero uno di WikiLeaks abbia centrato l’obiettivo. Hillary Clinton ha perso e il tycoon newyorkese è approdato alla Casa Bianca.

La presunta misoginia di Assange

Un ex componente di WikiLeaks avrebbe diffuso diversi documenti da cui emerge non solo l’endorsement di Assange ai repubblicani e Trump ma anche la sua misoginia. ‘Riteniamo che sarebbe molto meglio se vincesse il Gop. Democratici + Media + liberali formerebbero un blocco per regnare nelle loro peggiori qualità. Con Hillary in carica, il Gop spingerà per [far emergere] le sue peggiori qualità. Democratici + media + neoliberali resterebbero muti’, recita un messaggio privato inviato nel 2015 dal profilo di WikiLeaks ai suoi supporters.

loading...

Lo scambio di messaggi tra l’account di WikiLeaks e i suoi seguaci sarebbe avvenuto anteriormente alla pubblicazione, da parte di WikiLeaks, delle email trafugate al Democratic National Committee (la base del partito democratico Usa) e a John Podesta, responsabile della campagna della Clinton. Da diversi messaggi, insomma, si evince che dietro alla vittoria di Trump ci sarebbe stata l’influenza dell’organizzazione creata da Julian Assange.

Donald jr: contatti con Julian Assange

Che dire poi dei presunti contatti tra Julian Assange e Donald jr (figlio maggiore dell’inquilino della Casa Bianca)? I due si sarebbero scambiati molti tweet anteriormente alle elezioni presidenziali del 2016. Intanto, il più anziano consigliere politico di Trump, Roger Stone, ha invitato a ‘liberare Julian Assange’. Secondo lui, il fondatore di WikiLeaks sarebbe vittima della stessa teoria del complotto che ha messo in correlazione Trump alla Russia e Putin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *