Autoerotismo uccide 100 tedeschi l’anno, uomini a rischio

By | 8 febbraio 2018

autoerotismo-killer-in-germaniaSono stati condotti numerosi studi, in passato e nei tempi recenti sull’autoerotismo. Al di là delle implicazioni morali e religiose, il mondo della scienza non ha ancora espresso un parere unanime sulla pratica: c’è chi dice che ha più pro che contro e chi, invece, afferma che masturbarsi fa male alla salute fisica e mentale. Un recente studio dimostra che l’autoerotismo uccide fino a 100 tedeschi l’anno. In Germania, dunque, molte persone muoiono mentre provano piacere. Un uomo di Amburgo, ad esempio, è deceduto vicino a una stufa: aveva cercato di sciogliere fette di formaggio sul suo corpo.

Eccitazione con elettrocuzione

L’autoerotismo è un killer silente in Germania. Strano ma vero. Un uomo di Halle è stato ritrovato senza vita con le luci dell’albero di Natale sul petto. Forse voleva eccitarsi mediante elettrocuzione.

Una ricerca ha sottolineato che in Germania muoiono accidentalmente tra le 80 e le 100 persone per la pratica dell’autoerotismo. Sembra che in tale nazione certe persone perdano la vita a causa dell’utilizzo di pericolosi dispositivi che aumentano l’eccitazione.

Catene attorno al collo

Un uomo che viveva in Assia è rimasto soffocato nella sua abitazione. Aveva catene attorno al corpo e al collo. Il numero dei morti a causa dell’onanismo, però, potrebbe essere più alto perché spesso i familiari delle vittime si vergognano di segnalare il caso. Il tabloid The Local ha reso noto che tra il 1983 e il 2003, in Germania, l’autoerotismo ha ucciso 40 persone tra i 13 e i 79 anni. A morire di più per la pratica sono gli uomini perché le donne sono più attente. In Germania, insomma, si sottovalutano i pericoli correlati all’autoerotismo. Un esperto ha detto: ‘Si può perdere la coscienza più velocemente di quanto si pensi’.

La suddetta pratica ha stroncato anche personaggi famosi. Nel 2009, ad esempio, l’attore statunitense David Carradine venne trovato senza vita in un armadio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.