Bulli spietati mettono formaggio nel piatto, 13enne allergico al latte muore

By | 12 luglio 2017

Bullismo a Londra: mangia formaggio e muoreE’ successo a Londra. Un altro nauseante episodio di bullismo ha avuto teatro in una scuola di Greenford, un quartiere della Capitale britannica. La vittima si chiamava Karan Cheema ed aveva 13 anni. Karan era allergico al latte e tutti lo sapevano: compagni, educatori, collaboratori scolastici e, ovviamente, gli addetti alla mensa. Il giovane Karan, però, era stato preso di mira da un gruppo di bulli, che gli rovinava le giornate. Angherie e offese che hanno raggiunto l’apoteosi con un gesto che è costato la vita al povero 13enne. Un bullo ha messo di nascosto un po’ di formaggio nel piatto di Cheema. Quando questo ha mangiato la pietanza ha iniziato a sentirsi male ed è stato trasportato subito all’ospedale.

La forte reazione allergica

Consumare un boccone contenente formaggio è costato caro a un 13enne inglese. Il ragazzino non avrebbe certamente mai mangiato tale alimento, perché sapeva di essere allergico al latte. Il problema è che lo sapevano anche i bulli, ma si sono voluti divertire in maniera sconsiderata e agghiacciante. Mangiare formaggio ha provocato una forte reazione allergica in Karan Cheema, che, improvvisamente, ha accusato un malore. Il tempestivo ricovero in ospedale è stato inutile. L’adolescente è morto dopo un paio di settimane di sofferenze. Un brutto scherzo è costato la vita a un 13enne allergico. Ennesimo episodio di bullismo finito male.

Bullo arrestato, aperta inchiesta per omicidio

Sul caso è stata aperta un’inchiesta per omicidio. E’ già stato arrestato un ragazzo, un po’ più grande della vittima, che frequenta la stessa scuola di Cheema. Sarebbe stato proprio lui, secondo gli investigatori, a mettere il formaggio, di nascosto, nel piatto del 13enne. Il bullo sapeva che il coetaneo era allergico al latte ma il suo sadismo ha prevalso e lo ha portato a compiere un’azione atroce. Molti, nella scuola, parlano di una leggerezza con un tragico epilogo. Il padre e la madre di Karan sono afflitti e non riescono ancora a spiegarsi come possa essere accaduta una cosa del genere: ‘Siamo stati in ospedale per due settimane e abbiamo dovuto guardarlo morire, nessun genitore dovrebbe vivere questo dolore. Ora vogliamo risposte. Come è potuto succedere?’.

I genitori del piccolo Cheema hanno riferito che il minore sapeva di essere allergico ai prodotti lattiero caseari e stava attento a non consumarli. E’ strano, dunque, quello che è accaduto nella scuola. E’ evidente che si sia trattato di un episodio di bullismo. Oggi, 12 luglio 2017, verrà eseguita l’autopsia sul corpo del 13enne per fare luce su quella che, finora, è stata definita una ‘morte inspiegabile’. Il dirigente scolastico della scuola londinese frequentata da Karan ha riferito che il ragazzino era già stato sottoposto a manovre rianimatorie prima  dell’arrivo del personale sanitario. Alice Hudson, membro della board scolastico, ha detto: ‘Tutto ciò che si doveva fare, è stato fatto. Purtroppo le procedure di rianimazione si sono rivelate inefficaci’. La donna ha rivelato al Daily Mirror che il ragazzino, dopo aver consumato il formaggio, si era recato nel suo ufficio dicendo che stava accusando una brutta reazione allergica.

Ora tutti sono addolorati in una scuola londinese per la morte di un 13enne solare e buono, che eccelleva in tutte le materie, specialmente in matematica. I dirigenti scolastici hanno espresso le loro condoglianze ai genitori di Karan, che stanno vivendo un momento veramente doloroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.