Esteri

Cascate di sangue in Antartide: svelato il mistero delle Blood Falls

Antartide, svelato mistero delle cascate di sanguePer anni il fenomeno delle cascate color rosso sangue in Antartide è stato un vero mistero. Adesso è stato svelato l’arcano. Le cascate rosse vennero scoperte nel 1911 da un gruppo di scienziati. Un fiume aveva macchiato di rosso un’enorme superficie ghiacciata. Sembrava tutto pieno di sangue. In passato si era pensato che quel colore rosso fosse dovuto alle alghe. Nessuno, però, aveva fornito prove dell’assunto. Un team di ricercatori della University of Alaska Fairbanks è riuscito, dopo tanti anni, a scoprire la ragione delle cascate di sangue che scorrono dal ghiacciaio Taylor, in Antartide. Il colore rosso sangue è dovuto al ferro ossidato nell’acqua salata. C’è, in sostanza, un fenomeno simile a quello che conferisce al ferro un colore rosso acceso quando arrugginisce. In soldoni, quando l’acqua salata contenente ferro viene a contatto con l’ossigeno, il ferro si ossida e assume un colore rosso, proprio come il sangue. I ricercatori americani hanno esaminato a fondo il ghiacciaio, specialmente in profondità.

Lago pieno di salamoia

La scienza, ancora una volta, ha saputo svelare un arcano risalente in Antartide. Niente sangue, dunque, in quelle cascate. Solo ferro. Gli esperti hanno scoperto che l’acqua proviene da un lago pieno di salamoia, nei pressi del ghiacciaio di Taylor, che nel tempo ha raccolto ferro dalle profondità.

L’equipe statunitense è rimasta anche sorpresa dalla presenza di microbi particolari, nelle cascate di sangue, che possono sopravvivere anche in condizioni estreme, situazioni analoghe all’inizio della vita sulla Terra, quando l’ossigeno non era ancora molto presente nell’atmosfera. Tali microbi potranno fornire indicazioni su come la vita potrebbe svilupparsi in pianeti diversi dalla Terra, dove l’atmosfera non è colma di ossigeno.

Il ferro, dunque, è la ragione del colore rosso delle Blood Falls in Antartide. La salamoia, invece di congelare, scorre. Lo hanno riferito proprio gli scienziati: ‘La salamoia resta liquida al di sotto dei ghiacciai’.

Non è acqua piena di sangue, quella delle Blood Falls, ma piena di ferro. Una sorta di rassicurazione quella che arriva dagli Usa.

Antartide: ecosistema muta

Cascate rosse a parte, recenti dati ci dicono che l’ecosistema dell’Antartide sta cambiando. Recentemente sono stati scoperti anche muschi tra i ghiacciai. Significa che il riscaldamento globale sta seriamente danneggiando questo pianeta. Da recenti indagini è emerso che in Antartide sono aumentate, negli ultimi 150 anni, le temperature ed è mutato il trend delle precipitazioni e dei venti. Tutto ciò ha modificato l’ambiente. In molte aree, dove prima c’era ghiaccio, adesso c’è muschio. Gli scienziati hanno affermato: ‘Questi cambiamenti, combinati con l’aumento dell’estensione delle aree libere da ghiacci, porteranno a un’alterazione su larga scala del paesaggio anche dal punto di vista biologico lungo tutto il corso del XXI secolo’.

L’ecosistema dell’Antartide sta cambiando. Lo hanno notato anche alcuni reporter del New York Times, che si sono recati nel continente insieme a un pool di scienziati della Columbia University. I giornalisti hanno spiegato: ‘In alcune zone i ghiacciai sono stati erosi dal basso dall’azione di acque più calde e il flusso di ghiaccio sta diventando sempre più veloce. Un’accelerazione che ha portato alcuni scienziati a temere di essere all’inizio di un processo inarrestabile di disintegrazione’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.