Cina, Anna Tiberi vola dal terzo piano e muore: famiglia esclude suicidio

By | 7 novembre 2017

Cina, mistero sulla morte di Anna TiberiResta un mistero la morte di Anna Tiberi, 25enne di Fabriano, in provincia di Ancora, caduta dal terzo piano di un edificio, in occasione una escursione in montagna, in Cina. Anna faceva la mediatrice linguistica a Wuxi. Il tremendo episodio risale allo scorso 5 novembre 2017. Le autorità cinesi stanno compiendo accertamenti sulla tragedia, anche se adesso è difficile avere un quadro chiaro della faccenda. Il promo a diffondere la funesta notizia è stato il Consolato di Shangai. Le forze dell’ordine di Fabriano hanno immediatamente allertato il padre e la madre della 25enne, conosciuti e benvoluti da tutti anche perché attivissimi nella diocesi come volontari. Anna aveva conseguito la laurea in mediazione linguistica e culturale l’anno scorso all’Università per Stranieri di Siena, poi aveva trovato lavoro in Cina. Secondo le ultime informazioni, quando è caduta stava accompagnando diverse persone in montagna. La gita era stata organizzata dall’azienda per cui prestava servizio. I genitori e gli amici di Anna Tiberi sono desolati, così come il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto, che ha affermato: ‘Stiamo seguendo il caso con il ministero degli Affari Esteri. Per il momento non sappiamo nulla di più. Esprimiamo le nostre condoglianze alla famiglia’.

Mediatrice linguistica a Wuxi

Non si sa molto, per ora, sulla morte di Anna Tiberi, giovane dinamica che aveva già trascorso 5 mesi in Cina per migliorare la conoscenza della lingua. A settembre il ritorno a Wuxi per fare la mediatrice linguistica.

‘Sabato mattina era partita alla volta di una città cinese in altura. Alloggiavano in un hotel. Lei condivideva la stanza insieme a due signore cinesi che facevano parte, come Anna, dello staff. Anna è rientrata in stanza, al terzo piano dell’albergo, e c’era la finestra aperta. Il davanzale, per quello che ci hanno raccontato, era molto basso. Secondo gli investigatori cinesi, nel tentativo di chiuderla, si è sbilanciata’, ha rivelato Giacomo Tiberi, il fratello di Anna, a Centropagina.

Anna era troppo gioiosa e serena, quindi i parenti escludono l’ipotesi del suicidio. Le forze dell’ordine, però, non escludono nessuna pista, compresa quella dell’incidente.

‘Sicuramente, al 110 per cento, sia noi della famiglia, ma anche tutte le numerose persone che conoscevano mia sorella, possiamo escludere l’ipotesi del suicidio’, ha aggiunto Giacomo Tiberi, che è costantemente in contatto con le autorità cinesi. Si attende il nulla osta per il trasferimento della salma della Tiberi in Italia.

Fabriano si stringe attorno al padre, alla madre e al fratello di Anna Tiberi. Il padre di Anna, da tempo in pensione, svolge attività di volontariato in Diocesi.

Stanno svolgendo indagini insieme ai poliziotti, in Cina, anche 2 funzionari del consolato di Shangai. Nelle prossime ore si saprà di più sul caso.

La laurea nel 2016

Un’altra vita terminata troppo presto. Anna Tiberi era felice e studiosa. L’anno scorso aveva conseguito la laurea in mediazione linguistica e culturale. Tale facoltà, in base a un’indagine pubblicata da Almalaurea, è quella preferita dalle donne. Una facoltà che conferisce una grossa padronanza di una o più lingue straniere. Anna conosceva benissimo la lingua cinese, ma aveva trascorso diversi mesi in Cina per perfezionarla. Solo dopo tale perfezionamento aveva trovato lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *