Curiosità

Cold Brew caffè Vergnano, la bevanda dell’estate

Per chi non vuole rinunciare al caffè nella stagione estiva, ma vuole una ventata di freschezza, Caffè Vergnano ha lanciato sul mercato: Cold Brew, che cos’è e come si prepara il caffè freddo dell’estate 2018.

Differenza caffè caldo e caffè freddo

Da una recente ricerca, pare che le persone rivelino la propria personalità in base a che tipo di caffè scelgono di bere. Chi predilige il caffè caldo, è una persona molto forte e indipendente, mentre chi è amante del caffè freddo è molto legato alla propria famiglia e alle proprie radici, ma è anche un mammone. In attesa di conferme, sicuramente in Italia va per la maggiore la tazzina di caffè Espresso fumante da assaporare la mattina o durante le varie pause della giornata.

Un’abitudine tutta italiana quella di gustare il caffè al bar, resa più comoda e pratica quando furono introdotte le macchine espresso a uso domestico, prodotte dalle varie ditte. L’abitudine estiva di bere il caffè freddo, invece, deriva dagli Spagnoli. Pare che l’usanza fu introdotta nel Sud Italia dopo le conquiste dei territori.

Origini del caffè freddo

Si pensa che questa bevanda sia anch’essa di derivazione italica perché esiste il caffè leccese: il liquido aromatico viene servito con ghiaccio e latte di mandorla in un bicchiere di vetro. Altro errore che si commette quando si parla di caffè freddo è quello di supporre che la quantità di caffeina sia minore. Il caffè ghiacciato in tazzina contiene questa sostanza eccitante nella stessa misura di una tazzina di espresso calda, la temperatura invece inciderebbe sul gusto.

La sensazione di calore o di freddo altera il sapore, rendendolo più amaro o dolce perché è il cervello che riceve questo segnale. Come esistono metodi pratici e veloci per avere un caffè Espresso in un batter d’occhio, in commercio ci sono dei caffè freddi già pronti trovabili nel banco frigo, ma spesso sono aromatizzati e con conservanti. Caffè Vergnano Cold Brew è un prodotto lanciato dall’azienda torinese, destinato a cambiare il concetto di caffè freddo.

Cold Brew, caratteristiche e preparazione

Il nuovo prodotto della Caffè Vergnano è composto da una miscela biologica di caffè biologico fresco 100% Arabica macinato grosso, messo in infusione dalle 20 alle 24 ore in acqua fredda naturale Lurisia. Invece che preparare la moka o utilizzare diverse capsule per preparare la bevanda, aspettare che diventi a temperatura ambiente e porla in frigorifero in una bottiglietta di vetro col tappo ben chiuso, Cold Brew è già pronto da bere.

L’assoluta novità è che se gli altri preparati in commercio sono già prodotti finiti, Cold Brew si può personalizzare. Non contiene zuccheri aggiunti, quindi si può aromatizzare con sciroppo di vaniglia, di nocciola, di cannella o addirittura di amarena al posto dello zucchero, ottenendo un prodotto tutto nuovo. Si può bere al naturale per chi ama il caffè amaro, oppure per un momento di golosità, si può aggiungere della panna liquida al posto del latte. Non contenendo lattosio, glutine o derivati della soia, è indicato per ogni regime alimentare e per chi deve stare attento a cosa mangiare causa intolleranze o allergie.

Per un caffelatte su misura sarà sufficiente aggiungere latte normale o latte vegetale, a seconda delle proprie esigenze nutrizionali. Inoltre, il contenuto di una bottiglietta del nuovo prodotto bio firmato Caffè Vergnano equivale a 275 ml: prima di consumarlo e una volta aperto, il liquido si conserva in frigorifero e si mantiene a lungo. Una bevanda fresca e uno stimolo in più per aspiranti mixologi, i quali potranno sbizzarrirsi a creare nuove ricette per cocktail e soft drink in questa estate 2018. Cold Brew si trova in alcune caffetterie dell’azienda italiana e sul sito di e-commerce ufficiale https://www.caffevergnano.com .

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.