News

Come gli odori rievochino ricordi

Perché gli odori si collegano a precisi ricordi

Come gli odori rievochino ricordi
Perché accade che un odore carpito distrattamente quando siamo per strada, o all’interno di un ambiente chiuso, possa rievocare nella nostra mente ricordi spesso molto lontani, che in certi casi addirittura pensavamo  di aver dimenticato per sempre?
Ora uno studio, di cui si occupa il “Klavi Insitute for Sistems Neuroscience” in California, ha svelato che gli odori si connettono alla memoria tramite le onde celebrali sincronizzate con l’odore stesso.
Gli odori che filtrano attraverso il naso si diffondono alle varie parti del cervello connesse tra loro tramite le reti neurali, attivando onde che viaggiano tra i 20 ed i 40 Hz.
Lo studio è stato testato su alcuni topi, posti all’interno di un labirinto dove determinati odori erano stati localizzati in luoghi strategici, permettendogli di capire dove si potesse trovare il cibo. Dopo tre settimane di test la scelta operata dai topi dava risultati quella esatta nell’80% dei casi.
Degli gli elettrodi sono stati collocati nell’ippocampo (la parte del cervello deputata proprio alla gestione della memoria) e quando lo stesso odore è stato presentato al topo, è stata rilevata una raffica di onde cerebrali dell’intervallo 20 Hz, che hanno permesso l’associazione tra odore ed il posto in cui questo si trovava. Essenzialmente gli scienziati vogliono dirci che gli odori , raggiunto il nostro ippocampo si traducono in ricordi, facendo scattare gli stessi odori registrati anni addietro, collegati ad un particolare momento della nostra vita. In tal modo un intera vicenda, rimasta sepolta per anni nell’ippocampo può essere rievocata in modo quasi istantaneo se ad essa è associato un odore, che noi potremmo non essere in grado di identificare, ma che il nostro cervello ha perfettamente registrato a nostra insaputa.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.