Coppa Italia, Pordenone sogna e perde ai rigori: Inter ai quarti

By | 13 dicembre 2017

Per poco ci scappava l’impresa del Pordenone, in Coppa Italia. Ieri sera, la squadra di serie C stava disputando un match contro l’Inter, valido per la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia, ed ha creduto fino alla fine al colpaccio. Alla fine il Pordenone ha perso con onore,  5-4 ai rigori. L’Inter, prima in classifica e imbattuta in campionato, ha rischiato grosso, ha rischiato di farsi eliminare in Coppa Italia dal ‘piccolo’ ma combattivo Pordenone, che ha lottato sempre, non facendosi intimorire dalla corazzata di Spalletti.

Inter vince grazie a Nagatomo

loading...

L’Inter deve ringraziare Nagatomo, che ha siglato la rete della vittoria. Adesso i nerazzurri attendono la vincitrice di Milan-Verona. Il prossimo 27 dicembre 2018 potrebbe disputarsi un derby milanese in più.

Dopo l’importante 0-0 con la Juventus, Spalletti ieri ha schierato una stramba e inedita formazione: in attacco c’era la baby punta Pinamonti, supportata da Eder, Karamoh e Cancelo. Nagatomo esterno insieme a Dalbert. Una partita scoppiettante.

Pordenone ben messo in campo

Il Pordenone, fin dall’inizio, ha dimostrato di non aver paura della squadra di Spalletti. I giocatori di mister Colucci erano ben messi in campo.

Il più insidioso degli interisti è stato Karamoh, che ha sfiorato tre volte la rete. L’occasione più ghiotta è stata quando si è trovato a tu per tu col portiere ed ha tirato la palla fuori.

Occasioni anche per il Pordenone, che non deve recriminarsi proprio nulla. Magnaghi ha anche preso un palo.

Nel corso del primo tempo, il Pordenone ha sfiorato il goal due volte, con Sainz-Maza e Misuraca. L’Inter ha capito subito che la squadra che aveva davanti non era remissiva ed ha accelerato. Occasioni di goal, dunque, per Gagliardini, Eder e Karamoh.

Icardi messo in campo alla fine

Alla fine Spalletti si è giocato anche la carta Icardi, ma neanche lui è riuscito a mettere la palla nel sacco.

Ai supplementari il Pordenone, sentendo odore di trionfo, ha fatto ‘catenaccio’. Tutti davanti al portiere. In effetti, i supplementari sono terminati a reti inviolate.

I rigori hanno dato ragione all’Inter. Peccato per il Pordenone, che comunque ha disputato una partita superlativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *