Coppia omosessuale respinta da B&B: ‘Non accettiamo gay e animali’

By | 24 luglio 2017

Coppia omosessuale rifiutata da B&B calabreseStupore e tristezza. Questi i sentimenti provati da una coppia omosessuale napoletana quando ha appreso che un Bed & Breakfast calabrese non accetta gay e animali. Sentimenti che si sommano al dispiacere per il fatto che in Italia c’è ancora chi emargina in base all’orientamento sessuale. Due ragazzi napoletani hanno intenzione di trascorrere insieme le vacanze, a fine agosto, e per questo si sono messi alla ricerca di una struttura, in Calabria, adatta alle loro esigenze. La loro scelta era ricaduta su un B&B della frazione Santa Maria di Ricadi, in provincia di Vibo Valentia, una struttura che garantisce l’uso esclusivo di una piscina privata e di una dependance. La coppia omosessuale aveva contattato il proprietario della struttura tramite il sito booking.com ma si era subito resa conto che quel B&B non faceva al caso suo perché non accettava gay e animali. L’episodio è venuto alla ribalta dopo che la segnalazione fatta dai ragazzi all’Arcigay di Napoli.

La rivelazione di Gennaro

Gennaro, omosessuale dichiarato, ha asserito di essere rimasto impietrito dopo aver appreso che in quella struttura ricettiva calabrese non si accettano animali e gay: “Nella mia mente si è materializzata l’immagine drammaticamente famosa dei cartelli nazisti esposti fuori ai negozi, con i quali si proibiva l’ingresso ai cani e agli ebrei. Io e il mio compagno cercavamo una struttura dove poter trascorrere alcuni giorni di vacanza a fine agosto e abbiamo deciso di prenotare una guest house a Santa Maria, dove offrivano l’uso esclusivo di una dependance e di una piscina privata. Dopo aver prenotato su booking.com  siamo stati contattati tramite WhatsApp dal proprietario della struttura, che ha chiesto alcune informazioni aggiuntive. Il proprietario ha poi inserito quella frase: ‘Non accettiamo gay e animali’. Possibile ci sia ancora chi, con tanta leggerezza, discrimini sulla base dell’orientamento sessuale? Nessuno deve sentirsi inaccettato”. Intanto il Comitato provinciale Arcigay di Napoli pretende la rimozione della suddetta struttura ricettiva calabrese da booking.com e da ogni altro sito web di prenotazione turistica.

Com’è la vita degli omosessuali in Italia?

Ennesimo episodio che dimostra quanto in Italia si deve ancora lavorare sul campo dei diritti degli omosessuali. Un B&B calabrese non accetta assolutamente clienti omosessuali e animali. Come ha sottolineato il giovane Gennaro, tali divieti rievocano scritte e proclami nazisti. Parole che fanno male perché fanno capire che il Bel Paese non è al passo di altre nazioni sul versante dei diritti dei gay. Arcigay ha condotto molti studi sulla condizione degli omosessuali in Italia e, purtroppo, il quadro che ne è uscito non è confortante. I gay vengono emarginati un po’ dappertutto; anche, e soprattutto, sul posto di lavoro. E’ questo il motivo per cui molti gay sono costretti a nascondere il loro orientamento sessuale. In Italia si deve ancora maturare in tal senso. E’ inammissibile impedire a una coppia omosessuale di soggiornare in un B&B. Ognuno può avere le sue opinioni ma deve rispettare il prossimo, qualunque sia la sua razza, etnia, credo religioso e orientamento sessuale. Emarginare i gay è un male per chi discrimina, per chi viene discriminato e per la nazione. In Italia sono circa un milione le persone che si sono dichiarate omosessuali o bisessuali. Vivere in tale nazione, per loro, non è così semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.