Senza categoria

Di Maio: il padre chiede scusa su Facebook

In un video su Facebook il padre di Luigi Di Maio ha deciso di scusarsi per la situazione sollevata da Le Iene, relativa alle vicende accadute all’interno della sua azienda. Antonio Di Maio, padre del vicepremier e leader del Movimento 5 Stelle, ha spiegato tutta la verità sulla situazione, chiarendo che il figlio Luigi non c’entra nulla.

Le scuse di Antonio Di Maio su Facebook

Si è scusato con un video su Facebook, prendendosi tutta la responsabilità delle sue azioni, Antonio Di Maio, padre del vicepremier. L’assunzione di lavoratori a nero è arrivata in un momento di particolare difficoltà per l’azienda di famiglia, che ha spinto il padre del leader del Movimento ha compiere una serie di ripetuti errori.

Antonio Di Maio ha spiegato di aver messo in primo piano la situazione di difficoltà economica della propria famiglia: l’assunzione a nero sarebbe stata una conseguenza di questa stessa.

Non c’è stata elusione fraudolenta

Nessuna elusione fraudolenta sulla questione dell’azienda di famiglia; i debiti tributari e previdenziali non in grado di essere pagati hanno spinto, nel 2006, Antonio Di Maio a chiudere l’azienda. I beni, tuttavia, non sono stati sottratti alla garanzia dei creditori.

Inoltre, per quanto riguarda i sequestri effettuati dai vigili urbani a Marignanella, il padre del Ministro del Lavoro ha ammesso di non pensare che mattoni e sacchi con materiale edile potessero costituire reato ambientale.

Luigi Di Maio non sapeva nulla sui lavoratori a nero

Nel suo video su Facebook, Antonio Di Maio ha anche spiegato che non c’è stata alcuna complicità da parte di suo figlio Luigi. Il vicepremier non sapeva nulla delle azioni del padre, così come aveva anche affermato a Le Iene, quando la questione è stata sollevata e portata all’attenzione di tutti.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.