Domenico Diele investe e uccide donna, drogato alla guida: guai per attore di ‘ACAB’

By | 24 giugno 2017

Domenico Diele uccide donna con la sua auto: drogato alla guidaGuai per il 31enne Domenico Diele, interprete di film e fiction di successo come ‘Don Matteo’, ‘ACAB’ e ‘1992’. L’attore senese ha travolto e ucciso con la sua auto una 48enne, Ilaria Dilillo, che si trovava sul suo scooter nei pressi dell’uscita autostradale di Motecorvino Pugliano, in provincia di Salerno. Diele, senese doc ma residente a Roma da molto tempo, si trovava nel Salernitano per le riprese di ‘Una vita spericolata’, film diretto dal cineasta Marco Ponti. Il dramma è avvenuto la notte scorsa verso le due. Secondo le prime informazioni, la tragedia è stata dovuta allo stato del giovane attore, risultato positivo ai drug test.

Diele positivo ai cannabinoidi e oppiacei

Domenico Diele, promessa del cinema italiano, aveva assunto sostanze stupefacenti, ieri sera, prima di mettersi alla guida e, purtroppo, ha travolto e ucciso, con la sua vettura, la 48enne Ilaria Dilillo. Questa stava tornando a casa col suo motorino, dopo aver passato una serena serata con i suoi amici. Dilillo l’ha investita perché era drogato. Secondo le ultime informazioni, è risultato positivo sia ai cannabinoidi che agli oppiacei. A svolgere gli esami sono stati i sanitari dell’ospedale di Salerno. Domenico non doveva assumere droghe e non doveva assolutamente mettersi alla guida perché la sua patente era stata sospesa, tempo fa, per il consumo di droghe. Sembra che l’attore sia finito nel tunnel della dipendenza dalle sostanze stupefacenti.

Diele, attore giovane e talentuoso, è stato arrestato nel Salernitano con l’accusa di omicidio stradale aggravato. Si attende la convalida dell’arresto, che arriverà certamente. Domenico ha ucciso la povera Dilillo, una ragazza buona, solare e positiva. Il medico legale Giovanni Zotti ha già svolto un accertamento esterno, rendendosi conto che la 48enne è morta poco dopo essere finita contro l’asfalto. Ilaria era amata da tutti in paese. Lavorava in uno studio legale ed era tornata a sorridere dopo un brutto periodo. La Dilillo aveva dovuto affrontare il grave lutto della morte della madre.

Una carriera che rischia di ‘naufragare’ per la droga

Quando il talento e l’estro sono offuscati dai vizi. E’ il caso dell’attore Domenico Diele, che non riesce proprio ad allontanare i demoni della droga, quella sostanza che ieri lo ha portato ad uccidere la povera Ilaria Dilillo nel Salernitano. Diele è venuto alla ribalta grazie all’interpretazione dell’agente Luca Pastore nella serie tv ‘1992’. Nato e cresciuto a Siena, Domenico si trasferì a Roma dopo aver conseguito la maturità. Si iscrisse nel Circo a Vapore, iniziando così la sua carriera teatrale. Il trampolino di lancio verso il successo di Diele è stato senza dubbio ‘ACAB – All Cops Are Bastards’, pellicola in cui veste i panni del giovane poliziotto Adriano Costantini. Dopo aver fatto parte del cast di tale film, Domenico ha lavorato in molte altre opere della tv e del cinema, come ‘1992’ e ‘La Foresta di Ghiaccio’.

loading...

Ad arrestare Domenico Diele, nelle ultime ore, sono stati gli agenti della Polizia Stradale di Salerno. L’udienza di convalida si svolgerà lunedì prossimo. La carriera di Diele è appena iniziata e rischia di terminare presto a causa dei suoi problemi con la giustizia. Anzi, il vero problema del 31enne senese è la droga. Nel corso di un’intervista a Grazia, Domenico aveva fatto intuire di non essere fidanzato con nessuno: ‘Ho un rapporto molto tormentato con una ragazza. Il lavoro mi sta dando grandi soddisfazioni, ma in amore può essere un elemento di disturbo’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *