Donna incinta chiede il cesareo, parenti marito contrari: si suicida

By | 7 settembre 2017

Donna Incinta Si Lancia nel Vuoto: Parenti si Opponevano al Parto CesareoLeggi e consuetudini cinesi fanno spesso discutere perché non in linea con i tempi. Una 26enne incinta si è lanciata dal quinto piano dell’ospedale dove stava per partorire. Un volo di svariati metri e poi la morte. Perché la ragazza ha commesso un gesto del genere? Se i familiari del marito le avessero dato ragione non sarebbe accaduto nulla. La donna incinta sentiva tanto dolore, voleva quindi dare alla luce il figlioletto con un parto cesareo. I parenti del marito, però, erano contrari, nonostante gli stessi medici avessero sottolineato la necessità di un cesareo. Il dramma è avvenuto in un nosocomio della provincia di Shaanxi. La 26enne era alla 41esima settimana di gestazione. Ecco il contenuto di un recente comunicato diffuso dall’ospedale cinese: ‘Dopo la diagnosi iniziale avevamo scoperto che la testa del feto era molto grande. La nascita vaginale sarebbe stata quindi molto rischiosa’.

Parto naturale sarebbe stato rischioso

I medici cinesi avevano informato il marito della 26enne della necessità di un parto cesareo perché un parto naturale sarebbe stato pericoloso per la donna e il figlio. L’uomo si era consultato con i parenti e questi si erano ugualmente opposti al cesareo. Un atteggiamento agghiacciante, che denota grande insensibilità. Quella ragazza stava soffrendo molto, e inoltre era in pericolo di vita. Dalle cartelle cliniche si evince che la ragazza aveva chiesto il parto cesareo diverse volte perché sentiva molto dolore; non ce la faceva più. I parenti del marito, invece, insistevano per il parto naturale. Dopo 5 ore dal ricovero in ospedale e giudicata la forte opposizione dei parenti al parto naturale, la 26enne aveva deciso di farla finita: aveva aperto la finestra e si era lanciata nel vuoto, morendo sul colpo.

Marito nega la versione dell’ospedale

Il marito della 26enne è stato accusato di aver provocato indirettamente la morte della moglie. Nel corso di una recente intervista, però, ha affermato che le cose sono andate diversamente da quello che emerge dal comunicato diffuso dall’ospedale: ‘Quando mia moglie mi aveva detto che non poteva più tollerare il dolore, avevo suggerito ai medici di intervenire con il cesareo. Loro mi avevano risposto che mia moglie stava per partorire e non era necessario un intervento chirurgico.’

La tesi del marito della donna suicidatasi la scorsa settimana in un ospedale cinese è stata confutata dallo staff dei sanitari. Un portavoce del nosocomio ha esclamato: ‘La famiglia dell’uomo non ha permesso alla ragazza di ricorrere al parto cesareo’. Il portavoce ha aggiunto che ci sarebbero anche i filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza a comprovarlo. Le sequenze mostrano la ragazza inginocchiata davanti ai familiari del marito che reclama l’intervento chirurgico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.