Casa e Ambiente

Ferro da stiro: quali criteri considerare nella scelta

La scelta di un buon ferro da stiro è sempre un fattore che può essere determinante. In effetti sono tanti gli elementi che ogni volta bisogna considerare, visto che in commercio abbiamo a disposizione tanti modelli tra i quali scegliere. Abbiamo quindi deciso di proporvi una piccola guida che può essere utile nel caso in cui si debba scegliere un ferro da stiro e si è indecisi per uno con caldaia o per un altro modello senza caldaia. Diciamo che in linea generale non ci sono dei criteri ben precisi sui quali fare affidamento, ma sicuramente è determinante scegliere ciò che corrisponde maggiormente alle esigenze personali. Passiamo in rassegna i vantaggi e gli svantaggi dei ferri da stiro con caldaia e di quelli senza caldaia, per poter scegliere al meglio, senza commettere particolari errori.

Vantaggi e svantaggi di un ferro da stiro con caldaia

Tenete presente che un buon criterio per scegliere un ferro da stiro con caldaia è sempre quello della disponibilità dei pezzi di ricambio, che potete acquistare anche su Crel. In linea generale possiamo dire che il ferro da stiro con caldaia è più leggero, presenta una lunga autonomia a livello idrico e garantisce una buona erogazione del vapore.

Tuttavia un ferro da stiro con caldaia sicuramente può costare di più e può rappresentare un maggiore ingombro nel momento in cui andiamo a conservare l’apparecchio.

Certo, un ferro da stiro di questo tipo assicura la possibilità di stirare camicie e abiti senza faticare troppo. Molto importante è decidere anche in base alle capacità e alle prestazioni che si basano sulla pressione. Di solito abbiamo ferri da stiro con caldaia con pressione da 3,5 bar, da 5 bar e da 7 bar.

Vantaggi e svantaggi di un ferro da stiro senza caldaia

Dal punto di vista del design, il ferro da stiro senza caldaia ha dimensioni più compatte, quindi non ingombra quando dobbiamo conservarlo. È molto veloce da usare e si rivela tutto sommato più pratico.

Tuttavia bisogna ricordarsi con costanza di inserire l’acqua nel serbatoio interno e non può rivelarsi molto adatto a chi vuole stirare a lungo.

Un altro svantaggio consiste nel fatto che il vapore che fuoriesce è inferiore rispetto a quello fornito da un ferro da stiro con caldaia. Inoltre il ferro senza caldaia ha un peso maggiore proprio per la presenza del serbatoio interno.

Altro elemento da considerare è la piastra. Ci sono piastre di diverso tipo, realizzate in diversi materiali, come la ceramica, l’alluminio e l’acciaio.

La piastra in ceramica è consigliata soprattutto per i vestiti più delicati, anche se non è molto resistente. La piastra in acciaio, invece, garantisce una resistenza nel tempo ed è facile da pulire. Il suo limite consiste nel non fornire una buona precisione, però si può facilmente rimediare scegliendo dei ferri da stiro che abbiano dei fori per il vapore ben distribuiti.

La piastra in alluminio può rappresentare un’alternativa per chi è indeciso tra il comprare un ferro da stiro con piastra in ceramica e uno in acciaio. L’alluminio è più solido della ceramica, ma si rivela anche più delicato rispetto ai ferri con piastre in acciaio.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.