Fiorentina in lutto per la morte del capitano Davide Astori

By | 4 marzo 2018

fiorentina-davide-astori-mortoLutto nel calcio italiano per l’improvvisa morte del capitano della Fiorentina Davide Astori. Il calciatore 31enne è deceduto la scorsa notte mentre si trovava nell’hotel ‘Là di Moret’ di Udine con i suoi compagni. Ogni la Fiorentina avrebbe dovuto disputare il match contro l’Udinese. Secondo le ultime informazioni, Astori è deceduto probabilmente per un arresto cardiocircolatorio. Ovviamente nelle prossime ore verranno eseguiti tutti gli accertamenti del caso per chiarire le cause della morte del capitano della Fiorentina. Il commissario della Lega Calcio, Giovanni Malagò, ha disposto il rinvio della partita Udinese-Fiorentina.

Il comunicato della squadra sul sito web

La triste notizia è stata comunicata dalla Fiorentina sul suo sito ufficiale: ‘La Fiorentina profondamente sconvolta si trova costretta a comunicare che è scomparso il suo capitano Davide Astori, colto da malore. Per la terribile e delicata situazione, e soprattutto per rispetto della sua famiglia si fa appello alla sensibilità degli addetti ai lavori’. Rinviata anche Genoa-Cagliari. Astori, infatti, prima di approdare alla Fiorentina aveva giocato per diversi anni col Cagliari. I giocatori del club sardo sono rimasti turbati ed hanno deciso, oggi, di non scendere in campo.

Dalle giovanili del Milan alla Fiorentina

Davide Astori, classe 1987, era anche difensore della Nazionale. Entrò nel mondo del calcio grazie alle giovanili del Milan. La Fiorentina e il calcio italiano sono stati investiti da un lutto indescrivibile. Il talentuoso Davide se n’è andato, in punta di piedi, mentre soggiornava con i compagni di squadra in un albergo di Udine. Il capitano, che lascia la moglie Francesca e la figlia Vittoria (2 anni), era in procinto di rinnovare il contratto con i viola.

Davide Astori in breve

Nato a San Giovanni Bianco (Bergamo) il 7 gennaio 1987, Davide iniziò presto a farsi notare. Era un difensore centrale mancino molto abile. La sua prima squadra fu il Ponte San Pietro, team satellite del Milan; poi l’esordio nella primavera del Milan. Era la stagione 2005-2006. Nella stagione successiva, la 2006-2007, militò nel Pizzighettone. Poi il ritorno al Milan, club che lo prestò alla Cremonese, in C1. Il 2008 fu un anno importante per Astori, anno in cui venne venduto al Cagliari e iniziò a giocare in serie A. Con la maglia della squadra sarda segnò 3 reti.

La fascia di capitano

Nella stagione 2014-2015 Davide giocò con la maglia della Roma. Dopo la parentesi giallorossa arrivò il passaggio alla Fiorentina, dove collezionò 88 presenze e siglò 3 reti. Davide si è sempre fatto apprezzare dai tifosi e dalla squadra, conquistando la fascia di capitano. Astori ha vestito anche la casacca della Nazionale, dove ha esordito il 29 marzo 2011, in occasione dell’amichevole con l’Ucraina. Aveva 24 anni.

Si attende l’esito degli esami sulla salma di Davide Astori ma, attualmente, l’ipotesi più autorevole del decesso è l’arresto cardiaco nel sonno. Un altro calciatore che muore per un disturbo cardiaco. Il giovane Davide finisce così nella lunga lista di atleti stroncati da un arresto cardiaco. Piermario Morosini, Maurice Muamba e Marc-Vivien Foé sono solo alcuni dei calciatori colpiti da un arresto cardiaco durante una partita di calcio. Solo Muamba, dei tre, è riuscito a salvarsi. Deve ringraziare il tempismo dei soccorritori. Se avessero tardato, anche lui non sarebbe tra noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.