Gaffe Musei Vaticani di Grillo: ‘Vaticano deve pagare affitto a Roma’

By | 13 novembre 2016

Il leader del M5S, Beppe Grillo, pensa che il Vaticano debba pagare l’affitto al Comune di Roma per i Musei Vaticani. Il comico e politico genovese ha espresso la sua opinione a Bruxelles, in occasione dell’evento NoMesCina, che verrà mandato in onda domani, 14 novembre 2016, alle 20.45.

Grillo voleva sostenere Raggi

Il numero uno del M5S crede che i Musei Vaticani siano del  Comune di Roma, perciò il Vaticano deve pagare qualcosa ogni mese. Grillo ipotizza che il Papa non sappia nulla di questa storia. Sarà il M5S, prossimamente, a dargliene contezza. Le parole del leader del MoVimento, per molti, lasciano il tempo che trovano in quanto i Musei Vaticani si trovano in un altro Stato e quindi il Comune di Roma non ha il diritto di rivendicare nessun affitto. C’è chi parla, dunque, dell’ennesima gaffe plateale di Grillo.

Rabbia e ironia delle opposizioni

Beppe voleva, evidentemente schierarsi dalla parte della Giunta Raggi, sottolineando che il Comune di Roma è ‘proprietario’ dei Musei Vaticani. In realtà il leader del M5S ha dimenticato che tali musei si trovano in un altro Stato. Diversi esponenti del centrodestra e del centrosinistra sono rimasti sbigottiti dopo la ‘sparata’ di Grillo, ricordandogli subito che i Musei Vaticani appartengono allo Stato del Vaticano, non certamente al Comune di Roma. Michele Anzaldi (Pd), ad esempio, ha affermato che Grillo, stavolta, l’ha sparata grossa. Il dem ha ricordato che i Musei Vaticani fanno parte della Città del Vaticano, come si evince dalla parola.

Duro con Grillo anche Claudio Martini (Pd), secondo cui la gaffe dei Musei Vaticani dimostra ‘l’ignoranza’ e la ‘assoluta inadeguatezza’ del M5S e del sindaco Raggi ad amministrare Roma.

Dopo essersi reso conto di aver messo il piede in fallo, Grillo si è corretto, anzi ha parlato di Imu, evidenziando che tale imposta deve essere pagata anche ‘dagli uomini di chiesa’ che svolgono la loro attività in una città con miliardi di debiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.